in

Come preparare i tuoi social media quando fai domanda per un lavoro

I datori di lavoro controllano i social media prima di assumere. È importante che i tuoi profili diano una buona impressione.

Ecco 5 modi per rendere i tuoi account social a prova di datore di lavoro.

1. Prepara un ottimo CV online su LinkedIn

Potresti pensare che il tuo profilo LinkedIn sia sicuro, protetto e completamente appropriato, soprattutto perché ha una fotografia testa e spalle deliziosamente professionale di te che sembri piuttosto soave nel tuo abbigliamento da lavoro più elegante.

Tuttavia, tieni presente anche i lavori che stai elencando, incluso quanto tempo sei stato lì, le tue responsabilità e eventuali consigli. La regola generalmente accettata sui CV è che non ci menti, quindi non farlo sul tuo profilo LinkedIn.

E proprio come un CV, non svenderti, assicurati di usare un linguaggio interessante, elenca tutte le tue capacità ed esperienze e chiedi l’approvazione e i consigli di amici ed ex colleghi.

Perché è così importante? Ebbene, un buon profilo LinkedIn può togliere le luci della ribalta dai tuoi profili social più “divertenti”. “Controllerò sempre un profilo LinkedIn prima di Facebook, Twitter, ecc. Di un candidato” dice Oliver, un cacciatore di teste con sede a Londra. “È quello che serve effettivamente, e quindi se è buono mi sentirò abbastanza sicuro che il candidato è professionale, quindi non c’è bisogno di curiosare ulteriormente”.

Va tutto bene. Ma su LinkedIn puoi visualizzare solo una foto, come sappiamo tutti gli altri siti non hanno limiti …

2. Nascondi foto imbarazzanti o poco professionali

In termini di foto, mantieni l’esposizione della carne al minimo assoluto. O semplicemente assicurati che le tue foto, o idealmente l’intero profilo, siano impostate come private. È importante pensare a quanto sembri professionale nelle fotografie quando i tuoi occhi sono vitrei, la fronte è sudata e i tuoi capelli sono oltre il nido di un uccello dopo un po ‘di troppo.

Sebbene il processo di reclutamento stia diventando sempre più coinvolgente, con un numero crescente di datori di lavoro che affermano di voler davvero conoscere i candidati, c’è ancora, e rimarrà per sempre, una linea molto definita e la comprensione di quanto sia stato incredibile a cavalcare il rodeo in nient’altro che hot pants e una camicia inadatta a Las Vegas è ben oltre.

3. Elimina tutti i post controversi

Ricorda, le battute non funzionano sempre così bene attraverso i media o la parola scritta in generale. Senza tono di voce o indizi facciali, quello che potresti pensare è un arguto arguto potrebbe in effetti tradursi come assolutamente terribile.

“L’ultima volta che stavo reclutando per il mio team di vendita ho controllato un candidato su Facebook”, ricorda Steve. “Non mi aspettavo che nessuno dei candidati avesse profili aperti, per non parlare di qualcosa di spiacevole su di loro. Ma questo ragazzo in particolare aveva uno status nei confronti di Jimmy Saville … Voglio dire, potrei dire che doveva essere uno scherzo, ma il fatto che qualcuno lo vedesse mi ha fatto dubitare che gli importasse davvero se un potenziale datore di lavoro lo ha visto, e cosa se si offendessero? Quell’atteggiamento mi ha scoraggiato! “

4. Pensaci due volte prima di pubblicare

#Primo problema del mondo? Non parlarne nemmeno. Sei andato in palestra, hai completato un’intera giornata di lavoro e hai preparato la tua cena? Le congratulazioni non sono in ordine. Questo tipo di banalità sui social network è già abbastanza orribile per amici e parenti, pensa a come potrebbe percepirlo il tuo datore di lavoro.

So che continuiamo a tornare indietro a questo punto, ma i tuoi datori di lavoro, colleghi professionisti e colleghi probabilmente non vogliono sapere molto di te. Se insisti davvero a far sì che il tuo lavoro e la tua vita sociale si incrociano o si fondano completamente, almeno non essere lamentoso, drammatico e nevrotico in ciò che pubblichi. Sto solo dicendo.

5. Ove applicabile, rendi i tuoi contenuti privati

È relativamente semplice, ma i numeri che non riescono a farlo sono allarmanti. Approfondisci un po ‘e in realtà prenditi il ​​tempo (e quando dico tempo, di solito meno di 2 minuti) per trovare le impostazioni dell’account per la tua pagina di social media e regolare le impostazioni.

Facebook in particolare ti consente di modificare singoli aspetti del tuo profilo e della tua attività per renderli disponibili a diversi gruppi o contatti. Puoi persino impostare le cose in modo che siano aperte o private per tutti tranne che per individui specifici. Potrebbe sembrare un po ‘dispettoso, ma molto utile e assolutamente essenziale per tenere gli occhi professionali lontani dal tuo io non professionale.

In definitiva, però, indipendentemente dal fatto che un datore di lavoro appaia, pensa attentamente a ciò che metti online. Nel 1996, quando stavi andando all’Oasis at Knebworth quando dovevi lavorare, nessuno aveva uno smartphone o una fotocamera digitale per ricucirti una foto o uno stato sulle pagine del tuo social network. Ora, è una storia completamente diversa.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Intervista comportamentale

Come calmare i nervi durante le interviste