in

Intervista comportamentale

Le interviste comportamentali stanno diventando sempre più popolari tra i datori di lavoro, perché offrono preziose informazioni su come un candidato si esibirà in un ruolo.

Se ti è stato offerto un colloquio comportamentale ma non hai idea di cosa sia, usa questa guida per prepararti e brillare per la giornata.

Cos’è un colloquio comportamentale?

A prima vista, un colloquio comportamentale non è diverso da un colloquio regolare . Sedersi con un intervistatore? Dai un’occhiata. Rispondi alle domande poste dall’intervistatore ? Dai un’occhiata. La grande differenza è quando guardi il tipo di domande che vengono poste.

Lo scopo di un colloquio comportamentale è scoprire come reagisci in determinate circostanze. Quindi, invece di chiederti qualcosa come “Cosa ti è piaciuto del tuo lavoro?” ti verrebbe chiesto “Puoi parlarmi di un obiettivo che hai raggiunto nel tuo lavoro e come lo hai raggiunto?”. L’idea è che rivedere come una persona si è comportata in passato determinerà come si esibirà in futuro.

Le domande

Una volta che ti sei abituato al concetto di colloquio comportamentale, puoi iniziare a prepararti per come rispondere.

La cosa fondamentale da ricordare è che il datore di lavoro vuole scoprire se hai le competenze richieste per il lavoro. Quindi, quando rispondi, assicurati di concentrarti su esempi specifici. Usa la tecnica STAR: inizia con la situazione o il compito in cui ti sei trovato, spiega l’azione che hai intrapreso e poi qual è stato il risultato.

Le domande ovviamente differiranno da azienda ad azienda, ma ecco una guida per rispondere ad alcune delle più popolari.

Raccontami di una volta in cui hai avuto a che fare con un collega frustrante. Come l’hai gestita?

I problemi tra i colleghi sono l’incubo di un manager, quindi la chiave per una domanda come questa è mostrarti come la voce della ragione.

Inizia spiegando la situazione, assicurandoti di essere rispettoso nei confronti del collega. Se li sminuisci, non sarai ben considerato dall’intervistatore. Parla dei motivi per cui hai fatto quello che hai fatto. Ad esempio, se hai parlato con un manager, spiega che è stato perché la persona risponde solo a ciò che dice un capo ecc.

Fammi un esempio di quando hai dovuto prendere una decisione rapida

Questa domanda è per saperne di più su come elabori le informazioni. Devi dimostrare di avere la capacità di assorbire rapidamente le informazioni e quindi spiegare come estrarre le informazioni per arrivare alla decisione.

Quando rispondi, assicurati di spiegare accuratamente la situazione, perché questo conterrà lo sfondo che ha contribuito a forgiare la tua decisione. Sottolinea tutto ciò che è particolarmente rilevante e spiega perché sei arrivato a quella decisione. Anche se non ti è stato chiesto, menziona qual è stato il risultato. Se non è andato come volevi, spiega cosa hai imparato da esso.

Qual è il risultato più grande che hai ottenuto sul lavoro e come lo hai ottenuto?

Ricorda che questo è un colloquio per scoprire se le tue capacità ti renderanno un buon dipendente, quindi a meno che la domanda non richieda specificamente qualcosa di personale, attieniti a esempi puramente legati al lavoro.

Dopo aver dichiarato qual è stato il risultato, applica il principio STAR per analizzare il modo in cui lo hai raggiunto. Inizia con la situazione, che sarà l’obiettivo che volevi raggiungere. Perché era necessario? Ti è stato chiesto di guidare il progetto o è stata una tua iniziativa? Una volta tolto di mezzo, spiega come hai deciso di fare quello che hai fatto. Infine, che effetto ha avuto il risultato sull’azienda?

Fammi un esempio di una volta in cui hai motivato gli altri

La motivazione del personale è un aspetto importante per il posto di lavoro, quindi se hai qualche esempio di dove hai contribuito a migliorare le cose, assicurati di cantarlo.

Non pensare che questa domanda possa essere solo per i manager: se c’è una persona in un dipartimento che fa una torta ogni volta che qualcuno batte un obiettivo, paga una parte preziosa nel motivare gli altri.

Il pericolo con questo tipo di domanda è parlare di sentimenti. Quando parli di quello che hai fatto, dagli una ragione quantificabile. Ad esempio, fai una torta quando le persone colpiscono i loro obiettivi perché crea una competizione amichevole tra colleghi che aiuta le persone (incluso te stesso) a sfidare di più se stesse.

Raccontami di una volta in cui ti sei perso una soluzione ovvia a un problema

C’è un detto secondo cui non sono i tuoi errori a definirti, ma come li affronti. Se ricevi una domanda come questa, non sentirti in grado di rispondere. Tutti commettono un errore, quindi sii onesto, ma assicurati di spiegare ciò che hai imparato dall’esperienza. C’è qualcosa che faresti diversamente, ad esempio?

Suggerimenti per vincere un colloquio comportamentale

Se ti viene chiesto qualcosa su cui non hai esperienza, chiedi se puoi parlare di una situazione correlata in cui hai utilizzato abilità che sarebbero applicabili a ciò che è stato chiesto.

Cerca a fondo le abilità richieste per il lavoro e poi accendi la tua memoria per pensare agli esempi in cui hai dimostrato queste abilità. È molto meglio farlo in anticipo che fare un sacco di umm e ahh mentre ti scervelli durante l’intervista.

Ascolta attentamente. Le domande sono più complesse e se senti male potresti andare sulla strada sbagliata.

Essere onesti. Il vantaggio delle interviste comportamentali è che impediscono ai candidati di sfornare le risposte attese alle domande attese. Se si massaggia la verità, una domanda di follow-up potrebbe facilmente coglierti fuori.

Non dimenticare le tue esperienze di vita. Se non hai avuto molte precedenti esperienze lavorative , fai appello alle esperienze dell’istruzione o di qualsiasi gruppo a cui appartieni.

Non utilizzare la stessa esperienza per più domande. Ti fa sembrare carente.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Consulenza per i diplomati

Come preparare i tuoi social media quando fai domanda per un lavoro