in

Come calmare i nervi durante le interviste

Sappiamo che molte persone in cerca di lavoro lottano con l’ansia da colloquio. In effetti, il 41% delle persone in cerca di lavoro a cui abbiamo recentemente chiesto informazioni sulle pressioni durante i colloqui ha affermato che era il problema più grande per loro.

Una certa quantità di ansia in una situazione stressante può essere una cosa positiva e può infatti renderti più acuto e aiutarti a ottenere risultati migliori.

Diventa un problema quando quel po ‘di nervosismo si trasforma in una più grande sensazione di ansia da intervista.

Non dare per scontato il peggio

Dopo l’iniziale euforia di ricevere un colloquio arriva l’inevitabile ondata di nervi, che presto possono erodere la fiducia. L’allenatore intervistato Margaret Buj ha degli ottimi consigli per vincere questo.

“Cambia la tua mentalità e ricorda che stai intervistando anche loro ! Questa è la tua unica possibilità per scoprire se lavorare per questa azienda è adatto a TE. Una volta adottato questo modo di pensare, riacquisterai presto la sensazione di controllo che spesso si perde non appena le persone entrano nella stanza dei colloqui.

“Molte persone vedono un colloquio come un’opportunità per essere rifiutati. Tuttavia, come reclutatore posso dirti che ogni volta che un candidato varca la porta, l’intervistatore spera che sia quello giusto. Tutto quello che stanno cercando sono scuse sufficienti per darti il ​​lavoro. Se attacchi ogni intervista con quell’approccio mentale, sarai più positivo, più entusiasta e avrai più successo “.

Preparati prima del colloquio

Uno dei modi migliori per presentare i nervi dell’intervista è essere preparati il ​​più possibile. Se fai i compiti in azienda e fai pratica con le domande del colloquio, ti sentirai più fiducioso e può persino farti aspettare con ansia il colloquio (forse).

Avere un po ‘di fiducia può anche aiutarti a canalizzare quell’energia nervosa in positiva. Rispolvera le cose migliori che devi dire in un’intervista per farti notare.

Una persona calma dà l’impressione di avere il controllo. Qualcuno che è senza fiato, spazzato dal vento e inciampa nelle loro parole non lo fa. La chiave per essere calmi sta in una buona preparazione.

Rileggi il tuo CV

Inizia con il tuo CV . Saresti stupito da quante persone non possono rispondere a semplici domande sul contenuto del proprio CV. Ci saranno domande sul tuo CV durante i colloqui di lavoro, principalmente perché probabilmente ti ha portato il colloquio in primo luogo. Quindi sappi cosa c’è lì, altrimenti corri il rischio di sembrare ambiguo.

Fai una ricerca sull’azienda

Ricerca l’azienda e, se possibile, il tuo intervistatore. Questo ti aiuta a familiarizzare con l’ambiente circostante e rende l’intervista meno simile a un territorio inesplorato.

Un modo garantito per agitare i nervi è fare un viaggio faticoso fino al colloquio. Pianifica accuratamente il tuo percorso e lascia un sacco di tempo. Victoria McLean, amministratore delegato di City CV , aggiunge: “Arriva al colloquio 10 minuti prima e sorridi a tutti quelli che incontri. Naturalmente ti sorrideranno, ricevere tutti quei sorrisi alimenta la tua sicurezza. “

Prepara le tue risposte alle domande comuni dell’intervista

Leggi le nostre guide:

  • 20 domande di intervista più comuni (e come rispondere)
  • Come gestire le domande del colloquio basate sulla competenza
  • Le domande di intervista basate sulle competenze più comuni (e come rispondere)

Visualizza l’intervista

Margaret Buj adora usare l’immaginazione per calmare i nervi. “Chiudi gli occhi e ripeti l’intervista nella tua mente dall’inizio alla fine. Non pensare solo alle tue risposte, guarda come stai entrando nella stanza, salutando l’intervistatore e come stai dimostrando sicurezza e le altre qualità che vuoi rappresentare. “

Ovviamente non puoi immaginare uno scenario esatto, ma eseguendo il colloquio nella tua testa ti preparerai per il tipo di domande che potresti farti. E se temi una certa domanda, sforzati di rispondere. È molto meglio pianificare una risposta a casa che armeggiarla durante l’intervista.

Oltre a pianificare le domande che ti verranno poste, pensa alle domande che vuoi porre all’intervistatore. Aiuta a evitare quel silenzio imbarazzante quando ti viene chiesto se hai domande.

Organizza in anticipo il tuo outfit per il colloquio

È facile diventare così fissati nel preparare risposte da dimenticare il proprio aspetto. Pianifica ciò che indosserai in anticipo e assicurati che sia qualcosa in cui ti senti a tuo agio. Ovviamente non stiamo parlando di dondolarti in una tutina, ma non farti legare in un abito di lana se è nel mezzo del estate.

Prova i vestiti e guardati bene allo specchio. Non vuoi arrivare al tuo colloquio solo per scoprire che la tua maglietta blu è il mezzo perfetto per mostrare le macchie di sudore.

Considera anche il tuo linguaggio del corpo , in particolare l’importantissima stretta di mano. Victoria McLean ha un buon consiglio per questo: “Quando arrivi al colloquio, vai in bagno e lavati le mani in modo che non si sentano umide per quella prima stretta di mano. Non tenere niente con la mano destra in modo che rimanga fresca e fresca. “

Quando sei nel colloquio, siediti con la schiena dritta, con le mani rilassate e sulle ginocchia. Vuoi che il tuo linguaggio del corpo sia aperto, amichevole e coinvolgente, quindi stabilisci un buon contatto visivo e sii animato. Se ti comporti in modo sicuro, ingannerai te stesso e diventerai sicuro di te.

Pianifica con largo anticipo il percorso per il colloquio

Pianifica di arrivare 15 minuti prima dell’inizio del colloquio.

Non dimenticare di essere umano

Il pericolo di provare le risposte, pavoneggiarti e stabilire un contatto visivo è che puoi finire per sembrare una comparsa di The Stepford Wives.

Sì, l’azienda cerca qualcuno che possa migliorare la produttività, ma cerca anche un collega. Quindi non preoccuparti di fare uno scherzo o ridere di qualcosa, nessuno vuole lavorare con un drone!

Come dice Victoria McLean, “L’intervista è un dialogo tra due persone. Più può sembrare una conversazione naturale, meglio è. Rompi il ghiaccio con alcune chiacchiere e ricorda, il tuo pannello è di carne e ossa con le stesse abitudini, dolori e paure che hai tu. A volte anche l’intervistatore è nervoso. “

Non bere caffè prima del colloquio

Sebbene tu possa (come noi) fare affidamento su quel caffè mattutino per iniziare la tua routine, un colpo di caffeina più i nervi aumenteranno la tua adrenalina e possono farti sentire ancora più nervoso e nervoso di quanto non facessi già.

Invece, assicurati di dormire bene la notte prima, salta la chiamata del risveglio alla caffeina e bevi un succo o qualcos’altro invece con la colazione. Scegli un decaffeinato se hai davvero bisogno del gusto del caffè!

Ricontrolla il tuo outfit per il colloquio la sera prima

Stira la camicia e appendila con cura.

Passa la notte presto la sera prima del colloquio

Il riposo è la chiave per mantenere la calma.

Non bere alcolici per almeno 3 giorni prima del colloquio

Il consumo di alcol mette sotto stress il nostro corpo che a sua volta può portare a nervi.

Fai una colazione decente la mattina del colloquio

Interrompere i tuoi schemi alimentari può causare disagio al tuo corpo.

Non cercare di stipare il colloquio in sala d’attesa

Questo stress dell’ultimo minuto non ti farà bene. Anziché …

Sii consapevole del tuo respiro

Le tecniche di respirazione possono aiutare alcuni a rilassarsi nella situazione. La risposta del nostro corpo alla sensazione di ansia può essere una respirazione rapida e superficiale, il che significa che ci sentiamo ancora più in preda al panico.

In questo momento è facile dimenticare quanto sia importante fermarsi e respirare.

Una volta che sei nel colloquio, una pausa e un semplice respiro profondo possono fare un mondo di bene per calmare qualsiasi nervosismo.

Questo ti aiuterà anche a mantenere il ritmo. Non aver paura di fermarti per qualche secondo. Gli intervistatori si aspettano che ti fermi e pensi prima di rispondere ad alcune domande, quindi non c’è niente di cui sentirsi impacciato.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Come preparare i tuoi social media quando fai domanda per un lavoro

Come far risaltare il mio CV