in

Switch Ethernet vs Hub: qual è la differenza?

Non riesci a decidere se utilizzare uno switch Ethernet o un hub per la tua rete? Qui, discuteremo di come sono diversi e quando usarli.

La capacità di collegarsi in rete o connettersi a diversi dispositivi è uno dei più grandi progressi tecnologici della società moderna. Ci consente di trasferire dati da un dispositivo all’altro, fornendo in definitiva la nostra LAN e WAN.

Il modo più affidabile per connettersi a una rete è tramite fili, come un cavo Ethernet. Tuttavia, poiché ogni dispositivo avrà porte Ethernet limitate, avrai bisogno di uno switch di rete o di un hub.

Questi dispositivi di rete consentono a più computer di connettersi a una stazione centrale, fornendo una connessione di rete. Tuttavia, uno switch Ethernet e un hub differiscono in alcuni modi, di cui parleremo di seguito.

Switch Ethernet vs hub: comprendere le somiglianze e le differenze

Uno switch Ethernet e un hub hanno molte somiglianze. Entrambi forniscono più porte per cavi Ethernet (LAN) e opzioni per altre connessioni cablate come BNC e fibre ottiche. È possibile identificare rapidamente questi dispositivi all’interno di una rete come il dispositivo rettangolare a forma di scatola in cui sono collegati tutti i cavi LAN.

Molte persone avranno difficoltà a identificare uno switch di rete da un hub. Se sei sul mercato per uno di loro in particolare, leggi le etichette nel negozio o chiedi al venditore se stai acquistando online.

Sebbene uno switch e un hub Ethernet possano avere uno scopo simile di passare dati da un dispositivo all’altro, differiscono nel metodo di inoltro di questi segnali di dati. Questo perché lavorano su diversi livelli del modello OSI. Il livello in cui operano determina le capacità e le limitazioni di ciascun dispositivo e i relativi scenari di casi d’uso.

Per comprendere ulteriormente la differenza tra uno switch di rete e un hub, discutiamo brevemente di ciascun dispositivo su cosa sono, a cosa servono e i loro punti di forza e di debolezza all’interno di una rete.

Iniziamo con lo switch di rete, in quanto sono i più comunemente usati dei due.

Lo switch Ethernet

Un semplice switch Ethernet è un dispositivo di elaborazione dati che opera principalmente sul livello 2 (livello di collegamento dati) del modello OSI. Il funzionamento a livello di collegamento dati consente a uno switch Ethernet di utilizzare le tabelle degli indirizzi MAC.

L’accesso a un elenco di indirizzi MAC consente a uno switch Ethernet di inviare e ricevere dati su dispositivi specifici ad esso collegati. La cosa fantastica degli indirizzi MAC è che saranno sempre unici, riducendo le collisioni del traffico dati e altri problemi.

Alcuni switch di rete possono funzionare sia sul livello 2 che sul livello 3 (livello di rete) del modello OSI. Quindi, oltre a una tabella di indirizzi MAC, questi switch di livello 3 avranno anche accesso a una tabella di routing IP, consentendo il reindirizzamento dei dati tramite indirizzi IP assegnati all’interno della rete.

Quando utilizzare uno switch Ethernet

Molti sarebbero d’accordo sul fatto che gli switch di rete sono superiori in ogni modo a un hub. Anche se questo non è necessariamente vero, hanno alcune ottime ragioni per crederlo.

Come bridge di rete full-duplex che opera sul livello di collegamento dati e talvolta sul livello di rete, uno switch offre maggiore velocità, privacy, sicurezza e versatilità rispetto a un hub. Per questi motivi, uno switch viene utilizzato su quasi tutte le reti che richiedono più porte Ethernet di quelle che un router può fornire.

È consigliabile optare per uno switch di rete se si sta progettando una rete per la casa, la scuola, l’ufficio o l’azienda. Fondamentalmente, in caso di dubbio, utilizzare un interruttore. Semplicemente non puoi sbagliare con uno.

L’hub Ethernet

Un hub Ethernet o hub di rete è un semplice dispositivo di rete che estende una rete fornendo più porte Ethernet. Funziona sotto il livello fisico (livello 1) del modello OSI e non ha bisogno di ulteriore amministrazione in quanto la sua unica funzione è quella di copiare e inoltrare i dati a tutti i client (computer, stampanti, smart TV, ETC) collegati all’hub.

Ciò significa che se si tenta di inviare un messaggio a un computer, anche tutti i computer all’interno della rete riceveranno il messaggio. Quindi, come puoi immaginare, lo svantaggio dell’utilizzo di un hub è la privacy zero all’interno della rete.

Poiché un hub Ethernet utilizza un’elettronica semplice ed è più facile da produrre, può essere più economico di uno switch di rete. Tuttavia, poiché gli switch non gestiti sono già relativamente economici, risparmiare qualche soldo su un hub e perdere tutte le funzionalità di uno switch non ne vale la pena, a meno che non si stia utilizzando un hub per altri motivi!

Quando utilizzare un hub Ethernet

Sebbene un hub Ethernet sia per lo più obsoleto, esistono ancora alcuni scenari di casi d’uso in cui l’utilizzo di un hub è più pratico di uno switch.

Un hub può essere un’opzione praticabile in cui una rete è progettata per essere utilizzata per la produzione di massa. Forse hai un’attività di stampa 3D in cui produci in serie parti stampate in 3D per il mercato dei consumatori. Dal momento che stai comunque inviando gli stessi progetti a più stampanti 3d, un semplice hub dovrebbe funzionare perfettamente.

Un altro caso d’uso praticabile per l’hub half-duplex stupido è quando è necessario monitorare un client. Gli specialisti e gli amministratori della sicurezza informatica possono utilizzare un hub Ethernet per monitorare i pacchetti di dati in cui il client non ha alcuna capacità di mascherare o nascondere le informazioni inviate o ricevute.

Sebbene gli hub di rete abbiano pochissimi scenari di casi d’uso, avranno sempre un posto in determinate reti. Devi solo capire i loro limiti e assicurarti che la rete vada bene con loro.

Hub vs. Switch: quale dovresti ottenere?

Può essere difficile identificare se un dispositivo è uno switch o un hub. Dopotutto, entrambi sembrano fisicamente uguali e hanno lo scopo simile di inoltrare i dati e fornire porte Ethernet per i dispositivi client.

Per riassumere, uno switch di rete utilizza indirizzi MAC e talvolta tabelle di routing IP per inoltrare i dati a un dispositivo client specifico. Al contrario, un hub di rete è un dispositivo che replica tutti i dati che riceve e li inoltra a tutti i dispositivi client ad esso collegati.

Utilizzare un hub Ethernet se si sta progettando una rete in cui si desidera che una moltitudine di dispositivi segua attività ripetitive automatizzate. Se non si dispone di una buona ragione per utilizzare un hub, utilizzare sempre uno switch Ethernet in quanto è full-duplex, sicuro e garantisce privacy all’interno della rete.

Ora che hai capito le differenze tra questi due dispositivi, si spera, avrai un’idea migliore se utilizzare uno switch o un hub nella tua rete.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Google DNS vs Cloudflare DNS: qual è il DNS più veloce?

Le 5 migliori app di ricerca della stazione di ricarica per veicoli elettrici