in

Lo stato della ricerca del nuovo vaccino contro la polmonite da coronavirus

La nuova polmonite da coronavirus si è diffusa in più di 160 paesi e regioni in tutto il mondo e il virus non ha finora una medicina specifica. In queste circostanze, la ricerca e lo sviluppo di un vaccino è molto importante. Attualmente, molte aziende hanno partecipato alla ricerca e allo sviluppo di vaccini, ma l’atteggiamento di quattro giganti del vaccino verso il vaccino contro la polmonite da coronavirus è ambiguo.

Quindi ora, la domanda diventa: quali aziende e istituzioni sono coinvolte nella ricerca e sviluppo di vaccini e quali sono i loro progressi?

1. Stato attuale della ricerca sul vaccino contro il coronavirus

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), al 13 marzo c’erano 41 candidati vaccini nel mondo. Secondo un’altra statistica incompleta, entro il 17 marzo, almeno 96 aziende e gruppi accademici in tutto il mondo sono stati coinvolti nella ricerca sui vaccini e hanno annunciato 66 nuovi piani di sviluppo del vaccino contro il coronavirus. Ora stanno correndo contro il tempo, poiché ogni organizzazione vuole essere la prima ad avere successo.

La buona notizia è che due mesi dopo l’epidemia, la ricerca e lo sviluppo di vaccini sia in America che in Cina hanno iniziato gradualmente a prendere forma.

Il 16 marzo, un team americano ha saltato i test sugli animali e ha avviato e portato a termine direttamente il primo test clinico sull’uomo; lo stesso giorno, un altro gruppo di ricerca in Cina è stato autorizzato ad avviare i test clinici.

Entrambi i team di ricerca e sviluppo degli Stati Uniti e della Cina hanno accelerato il processo abbandonando il tradizionale percorso della tecnologia dei vaccini e utilizzato una nuova piattaforma tecnologica. Pertanto, i loro progressi hanno effettivamente superato le stime precedenti di alcuni addetti ai lavori del settore.

2. Aziende e istituzioni coinvolte nello sviluppo di vaccini

Risposta lenta dei quattro giganti:

Dallo scoppio della polmonite da coronavirus, le persone in tutto il mondo vogliono sapere quando possono essere sviluppati e prodotti nuovi vaccini. Le persone hanno naturalmente grandi speranze per le imprese più capaci: GlaxoSmithKline dal Regno Unito, Sanofi dalla Francia, MSD e Pfizer dagli Stati Uniti. Queste quattro società sono conosciute come i quattro giganti del vaccino al mondo, poiché controllano saldamente i prodotti vaccinali più venduti al mondo e vendono decine di miliardi di dollari di vaccini ogni anno.

Tuttavia, all’inizio della diffusione del coronavirus, il silenzio dei quattro colossi ha deluso le persone. In ritardo, le grandi aziende hanno annunciato i loro piani di vaccinazione a febbraio. Sanofi ha annunciato che avrebbe partecipato allo sviluppo di vaccini; GlaxoSmithKline ha affermato che fornirà supporto tecnico ad altre imprese, ma non parteciperà allo sviluppo di vaccini.

Perché questi giganti del vaccino non sono positivi riguardo allo sviluppo di questo vaccino?

La risposta è semplice: perché la ricerca del vaccino pandemico richiede molti soldi, ma non c’è abbastanza beneficio economico, poiché è probabile che l’epidemia finisca prima che il vaccino sia sviluppato. Pertanto, molte grandi aziende investiranno con cautela, giudicando il rischio potenzialmente superiore alla ricompensa.

Thomas Broil, direttore del dipartimento di salute di GlaxoSmithKline, ha dichiarato di recente in un’intervista che forniscono solo tecnologia assistiva perché è difficile prevedere quanto durerà lo scoppio della nuova polmonite da coronavirus. Ha sottolineato che “vale la pena promuovere la produzione di vaccini solo su larga scala”.

Secondo il Financial Times, la risposta dell’industria farmaceutica all’epidemia è in una certa misura guidata da un senso di responsabilità sociale e dall’entusiasmo per la risoluzione dei problemi scientifici.

Partecipazione delle PMI alla R & S:

Diversamente dalle grandi aziende, molte piccole e medie imprese farmaceutiche hanno partecipato ad attività di ricerca e sviluppo di vaccini. L’elenco statistico dell’OMS mostra che le piccole imprese hanno maggiori probabilità di partecipare alla competizione per la ricerca e lo sviluppo di vaccini.

Per queste piccole imprese (PMI) ancora nella fase di sviluppo tecnologico, possono essere più tolleranti nei confronti dei rischi che si traducono in nuove tecnologie “taglienti” in cambio di rapidi progressi. Un professore dell’Università della Pennsylvania ha detto: “Partecipare allo sviluppo di vaccini è come un gioco d’azzardo. Se l’azienda vince la scommessa, sarà un’enorme possibilità per l’azienda; se perde, l’azienda può anche migliorare la propria tecnologia basata su esperienza pratica.”

Inoltre, lo sviluppo di vaccini contro il coronavirus potrebbe ottenere il sostegno finanziario e politico del governo e sarà anche favorito dal mercato. Dopo l’annuncio delle informazioni sulla ricerca e sviluppo di vaccini, i prezzi delle azioni di Inovio Pharmaceuticals e Moderna, società biologiche americane, sono aumentati notevolmente.

Pertanto, ciò offre un’opportunità per enormi ritorni e piccole perdite per le PMI che partecipano allo sviluppo di vaccini che dispongono di team e tecnologie più flessibili.

Organizzazioni legate al governo:

In generale, alcune risorse pubbliche devono essere assegnate dal governo. Sebbene il vaccino epidemico abbia grandi benefici per la società, molte imprese non possono permettersi di partecipare a causa degli enormi investimenti e dei bassi benefici economici. Così ora, alcune organizzazioni legate al governo hanno iniziato a lavorare allo sviluppo di vaccini.

Come accennato all’inizio, il 16 marzo è stata lanciata negli Stati Uniti la prima sperimentazione clinica di un nuovo vaccino contro il coronavirus. Il vaccino candidato di quella sperimentazione, nome in codice mRNA-1273, è stato sviluppato congiuntamente dal National Institutes of Health e Moderna Inc, una società di biotecnologie del Massachusetts. La sperimentazione è stata quindi lanciata dal National Institutes of Health (NIH) presso il Kaiser Hospital Institute.

3. Stato di sviluppo dell’industria dei vaccini

Secondo Bernstein, una società di gestione patrimoniale, il mercato dei vaccini è cresciuto di sei volte negli ultimi 20 anni e ora vale più di 35 miliardi di dollari. Certo, il futuro dell’industria dei vaccini è promettente.

Inoltre, i quattro giganti rappresentano fino all’85% della quota di mercato. In 94 paesi con redditi relativamente bassi nel mondo, il rendimento netto per ogni $ 1 investito in vaccini è di $ 44. CNBC ha riferito che il business dei vaccini di MSD ha generato entrate per $ 8,4 miliardi nel 2019. Dal 2010, l’attività è cresciuta a un tasso annuo del 9%. Tra questi, Gardasil è “il vaccino più venduto nella storia”, con un fatturato di oltre 3 miliardi di dollari nel 2018.

Con l’espansione dei programmi di immunizzazione nei paesi in via di sviluppo come la Cina, il mercato dei vaccini si espanderà ulteriormente.

Per quanto riguarda il vaccino pandemico, sebbene le grandi aziende con più vaccini non siano entrate nel campo di sviluppo del vaccino contro il coronavirus, gli sviluppatori agiranno come se il virus dovesse coesistere con la società umana per il prossimo futuro.

Con lo sviluppo del nuovo vaccino contro il coronavirus in prima linea nei programmi di ricerca e sviluppo, le persone possono credere che il mondo supererà presto la pandemia. Il futuro dell’industria dei vaccini è luminoso e il suo potenziale di sviluppo è enorme. Tuttavia, mentre il potenziale guadagno economico dall’industria dei vaccini è illimitato, l’industria dovrebbe anche considerare le proprie responsabilità sociali e le ricompense inestimabili di aiutare l’umanità.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Proteggiti dal possibile Coronavirus su Fomites in ufficio

Lavori part-time consigliati durante l’epidemia di Coronavirus