in

Cos’è un nomade digitale e come sapere se è per te

Quindi, il tuo interesse è stato suscitato. Forse nell’ultimo anno o giù di lì, hai riflettuto su cosa diavolo sia questa esperienza di nomade digitale e ti sei chiesto se fosse possibile per te. Forse hai visto i lavoratori della conoscenza nella tua rete fare le valigie e andarsene ma mantenere il loro attuale lavoro, pubblicando foto su Instagram o Linkedin con un laptop e una combinazione di tramonto.

Non sarai sorpreso di sapere che dalla pandemia, quando la maggior parte di noi è stata costretta a confondere i confini tra spazio personale e professionale, la tendenza dello stile di vita nomade digitale è salita alle stelle. Alcune ricerche dicono che è aumentato fino al 112%.[1] I lavoratori americani che si descrivono come nomadi digitali da soli sono aumentati del 49%. Anche io l’ho fatto nel 2021!

Quindi, cos’è un nomade digitale? E ora può essere una vera opzione di stile di vita da esplorare?

Cos’è un nomade digitale?

I nomadi digitali sono persone che vivono la loro vita in modo nomade, viaggiando o soggiornando in luoghi diversi mentre si impegnano nel lavoro a distanza utilizzando la tecnologia digitale. In breve, sono lavoratori remoti o hanno la flessibilità di lavorare in qualsiasi parte del mondo purché abbiano accesso alla tecnologia di telecomunicazione digitale.

Come sono diventato un nomade digitale

All’inizio del 2021, io e il mio compagno abbiamo venduto la nostra casa a Londra senza un posto fisso a lungo termine in cui andare. Essendo rimasti bloccati in casa per la maggior parte del 2020 e adattandosi all’approccio del lavoro da casa dal 2019, entrambi avevamo prurito ai piedi e mi ero abituato a fare ancora un buon lavoro senza che una posizione fosse rilevante.

Quindi, abbiamo gettato tutta la nostra attrezzatura rimanente e il cane nella parte posteriore della nostra Hyundai i20 e ci siamo avventurati in tutto il Regno Unito soggiornando in Airbnbs per la maggior parte dell’anno.

A quel tempo, non pensavo di aver bisogno della tradizionale proprietà di mattoni e malta per sentirmi sistemato. Ero contento del mio lavoro. Stavano bene con me che mi muovevo, e finché mi sentivo bene mentalmente, era bello andare. Quindi, quello ero io, ufficialmente un nomade digitale: esplorando la prossima area in cui vivere, l’approccio “prova prima di acquistare”, vivendo e lavorando in case temporanee, facendo affidamento esclusivamente sul Wi-Fi e mantenendo beni minimi per muoversi liberamente.

Ma lo spettro è un po ‘più ampio di quello con altri nomadi digitali che sono anche viaggiatori perpetui, saltando da un paese all’altro e dal fuso orario al fuso orario con la tecnologia necessaria per esibirsi a un livello necessario per la propria attività come imprenditore o all’interno di un ambiente organizzativo.

Fondamentalmente, un nomade digitale è qualcuno che combina lavoro e viaggi in una certa misura!

Suggerimenti per sapere se essere un nomade digitale è per te

Il 2021 è andato e venuto, e ora siamo tornati in alloggi in affitto e saremo qui per un altro anno almeno. Ma durante quell’esperimento nomade, ci sono state alcune grandi esperienze e alcune non così grandi.

Quindi, dai un’occhiata a questa guida per vedere se essere un nomade digitale è giusto per te.

1. Capire cosa è possibile

La cosa fondamentale prima di iniziare a capire da quale bella parte del mondo vuoi lavorare è capire l’arte del possibile. Se sei già impiegato da un’organizzazione e prevedi di mantenere quell’impiego ma di spostarti, parla prima con il tuo manager di linea e i dipartimenti delle risorse umane.

È anche saggio capire chi altro è già andato prima di te. Potrebbe salvare una discussione. Un manager di linea o un team di leadership con mentalità fisse potrebbe potenzialmente fermare questo morto nelle sue tracce prima ancora che sia iniziato.

Prendi in considerazione la possibilità di lavorare con i responsabili delle decisioni su esperimenti in cui lavori da qualche parte per un mese per testare le acque e anche per rassicurare quelle persone che puoi ancora esibirti al livello richiesto, indipendentemente da dove ti trovi.

Altri potrebbero sentirsi a disagio per il fatto che tu non sia vicino a un ufficio, quindi temo che possa spettare a te dare loro una certa flessibilità. Se gestisci la tua attività, sei il capo.

2. Restrizioni e limitazioni nazionali

Un pezzo di ricerca noioso ma degno, se stai esplorando in tutto il mondo essendo un nomade digitale, potresti dover controllare i visti di lavoro, le vaccinazioni richieste, le velocità Wi-Fi, il costo della vita, i guadagni minimi e le tasse, specialmente se la tua organizzazione ha sede in un paese e non in un luogo in cui ti stai dirigendo. Non vuoi essere catturato con un flusso di cassa inferiore al previsto in un’altra parte del mondo su un tecnicismo.

Da quando il Regno Unito ha lasciato l’Unione Europea, i visti nomadi digitali per i nomadi non UE in alcuni paesi europei sono incoraggiati. Paesi come l’Italia, il Portogallo e la Spagna si sono recentemente uniti a Malta, Estonia, Germania e altri in tutto il mondo nell’aprire le loro porte ai nomadi digitali per aiutare a rivitalizzare le città e le economie locali che sono state colpite di nuovo da quella parola P.

I paesi europei vogliono nomadi digitali, quindi ora potrebbe essere il momento ideale per iniziare a pensare a questo.

3. Tecnologia

Sono stato sorpreso un paio di volte con proprietà che avevano un Wi-Fi al di sotto della pari e che hanno avuto un impatto sulla qualità del mio lavoro.

Zoom chiama il congelamento, la qualità del suono inferiore al previsto e la frustrazione quando la ricezione è diminuita a causa del maltempo o di animali da fattoria casuali che interferiscono con le cose. Questi problemi non possono essere evitati a volte, quindi è bene essere adattabili. Ma ho comprato alcuni dati aggiuntivi che ho collegato ai miei dispositivi principali, quindi se il Wi-Fi si interrompe, potrei funzionare bene per periodi più brevi.

Avevo anche due telefoni, per uso personale e di lavoro, che erano su reti diverse, nel caso in cui il posto in cui alloggiamo fosse in una brutta patch per un provider ma non per l’altro.

4. Crescita personale e professionale

Una cosa fondamentale che potrebbe non essere così ampiamente connessa alla vita professionale è che viaggiare può essere altrettanto potente, se non di più per la crescita personale, come la formazione o i corsi sul posto di lavoro. Queste esperienze di crescita alla fine rendono le persone migliori e costruiscono una vasta gamma di competenze richieste.

Anche solo cavarsela in culture diverse ti aiuta a superare le sfide, diventare un ascoltatore migliore, aumentare di livello le capacità di risoluzione dei problemi e costruire competenze trasversali, meglio conosciute come abilità umane, come resilienza, perseveranza, comunicazione, maturità, fiducia e priorità. Tutti questi sono elementi chiave per i talenti moderni per i quali le organizzazioni assumerebbero comunque.

Secondo Adam Galinsky, professore alla Columbia Business School, visitare un luogo straniero e prendere parte all’ambiente locale, “aumenta la flessibilità cognitiva e migliora la profondità e l’integratività del pensiero”.[2]

Quindi, se stai cercando un po ‘di supporto per convincere il tuo capo, eccolo qui. Buono per te, buono per la squadra e buono per l’organizzazione.

5. Dati finanziari

Questo può oscillare in entrambe le direzioni. I pro che abbiamo avuto nel 2021 non erano alcun debito, nessun mutuo, nessun affitto da pagare e solo bollette personali minime. Le spese principali erano principalmente per i generi alimentari e l’Airbnb in cui alloggiavamo.

Tutti gli altri precedenti costi generali della vita erano spariti: niente bollette internet domestiche, tasse comunali, assicurazione sulla casa, riparazioni domestiche, gas, elettricità e acqua, poiché tutto questo faceva parte dell’essere nella casa per le vacanze di qualcun altro.

Naturalmente, vivere e lavorare in paesi in cui i tuoi soldi vanno oltre può aiutarti in tutto questo, ma le decisioni che prendi sul livello di comfort e lusso in cui vuoi vivere e lavorare determineranno tutto questo.

6. Inseguendo la sensazione di vacanza

Ci siamo passati tutti. Visiti un posto e vivi un’esperienza così meravigliosa che inizi a chiederti come sarebbe vivere lì, avere quella sensazione di vacanza tutto il tempo mentre vieni pagato.

Lo capisco e inseguire quella sensazione può creare dipendenza, ma questa allodola nomade digitale richiede un’incredibile quantità di disciplina e organizzazione, qualcosa che potrebbe mancare quando sei in quella modalità di libertà delle vacanze. Devi lavorare.

Abbiamo sentito la frase “la pianificazione è metà del divertimento” e per me lo è davvero. Creare un anno di nomadi digitali vivendo in sette luoghi diversi in tutto il Regno Unito, ricercare i costi, negoziare con gli host Airbnb, navigare nelle aree locali e il resto è stato anche piacevole.

Tuttavia, una cosa da chiedere è: avrai l’energia e il tempo per catturare quella sensazione di libertà e vita spensierata?

Il superlavoro può facilmente insinuarsi e, prima che tu te ne accorga, sei stato sul tuo laptop tutta la settimana a lavorare a casa di qualcun altro. Nient’altro è cambiato, solo la tua visione della cucina.

Per ottenere il meglio dall’essere un nomade digitale, devi cercare di mantenere i limiti su quanto lavori e anche mettere energia e impegno nell’essere presente, andando verso le aree locali, scoprendo quali eventi stanno accadendo e forse anche godendo di un tempo migliore!

Non vuoi che la tua impressione principale sia uno sfondo di zoom leggermente diverso.

7. Comfort delle creature e impatti ambientali

Mi ero abituato a fare una breve passeggiata per il negozio locale o ordinare Deliveroo. Raramente ho usato un’auto se non per visitare amici o familiari. Ma non appena abbiamo trascorso del tempo in parti remote del paese dove non c’erano uber o negozi raggiungibili a piedi, l’uso della mia auto è aumentato enormemente, anche ogni giorno.

Cose semplici come andare a farsi un taglio di capelli, comprare generi alimentari, prendere un takeaway. Tutto era almeno a 20 minuti di auto in entrambe le direzioni, ed ero consapevole che nulla durante quel soggiorno sarebbe stato veloce. Ogni viaggio lontano da quella casa per fare qualcosa aveva bisogno di un’ora di slot, anche il pub più vicino era a un disco di distanza!

Mi ci sono volute alcune settimane per abituarmi a questo, ma come ho detto prima, mi sono adattato. Gli esseri umani sono abbastanza bravi ad adattarsi, ma ero molto consapevole di quanta più benzina stavo comprando e dell’aumento del livello di fumi che stavo buttando fuori mentre danneggiavo la mia piccola Hyundai su strade di campagna coperte di buche.

Considerazioni finali

Quindi, stai vivendo la vita nomade digitale per te? Solo tu puoi decidere. Ma quello che posso dire è che ora potrebbe essere uno dei periodi migliori per dare una possibilità.

Decine di paesi si stanno aprendo e hanno creato un accesso specifico per i nomadi digitali. Alcuni hanno persino creato hub e villaggi specifici per rendere più facile socializzare con gli altri. Inoltre, lasciando il tuo divano attuale ed esplorando più del mondo, stai riducendo i costi e potenzialmente restituendo alla rivitalizzazione delle economie locali colpite dal Covid.

Man mano che le aziende diventano più flessibili sul lavoro ibrido e remoto, non ci sono mai state più opportunità di lavorare da dove vuoi.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come utilizzare i social media per il networking e l’avanzamento di carriera

Come trovare un lavoro in linea con i tuoi valori fondamentali