in

Consigli Di Scrittura Per Laureati: Come Comunicare Con I Reclutatori

La tua prima comunicazione con un datore di lavoro può essere un modulo di domanda, un CV o una lettera di presentazione, ma potrebbe anche essere un messaggio istantaneo durante un webinar o persino un commento su LinkedIn.

Segui questi suggerimenti di scrittura professionale per fare la migliore prima impressione.

Quando un datore di lavoro legge la tua domanda di laurea o di tirocinio, non sta solo cercando prove delle tue capacità e della tua esperienza lavorativa; vogliono anche vedere in azione le tue capacità di comunicazione scritta.

Perché e dove hai bisogno di capacità di comunicazione scritta

Una forte comunicazione scritta è un’abilità chiave per molti lavori laureati: potresti non creare lunghi rapporti o documenti strategici, ma i messaggi istantanei e le e-mail sono un dato di fatto nella vita lavorativa nella maggior parte delle carriere. Una comunicazione chiara è essenziale anche per i messaggi professionali più brevi, soprattutto quando lavori da remoto e probabilmente utilizzerai Teams, Slack o altri servizi di messaggistica per restare in contatto con i colleghi.

Le abilità di scrittura professionale ti aiuteranno anche quando si tratta di fare rete online (come su LinkedIn ) e interagire con i datori di lavoro durante fiere del lavoro virtuali, webinar o eventi . Ovunque interagirai principalmente con i datori di lavoro attraverso le parole è un’opportunità per mostrare le tue capacità di comunicazione scritta e per i datori di lavoro per valutarti.

I datori di lavoro possono anche valutare le tue capacità attraverso qualsiasi altra forma di corrispondenza scritta che invii loro. I datori di lavoro cercano una comunicazione chiara e accurata in tutte le forme di corrispondenza scritta: e-mail, lettere, CV e candidature. Un’e-mail di richiesta spontanea o scortese potrebbe metterti fuori dalla corsa per un lavoro. I nostri suggerimenti rapidi ti aiuteranno a rispolverare le tue capacità di scrittura aziendale.

1. Regalati sempre una “I” maiuscola

Può essere un semplice errore, pericolosamente facile da fare quando si digita sul telefono o sul tablet, ma lasciare molte “i minuscole” è sufficiente per far sì che molti reclutatori o professionisti laureati focalizzati sulla grammatica vedano in rosso.

Se fai riferimento a te stesso, alle tue azioni o alle tue attività online o in un’e-mail, una lettera o un’applicazione, datti sempre la “I” maiuscola .

È anche importante utilizzare frasi complete. Inizia tutte le frasi e i nomi propri (ad esempio i nomi delle città) con una lettera maiuscola e chiudi con un punto (a meno che tu non stia utilizzando un punto interrogativo; evita i punti esclamativi).

2. Sii formale e professionale (evita emoji o abbreviazioni) …

Mantieni un linguaggio formale. Ciò significa evitare di usare abbreviazioni, slang o qualcosa di troppo formale. Se stai inviando messaggi con i datori di lavoro, potresti avere la possibilità di inviare emoji o gif: evita anche questi.

Se hai dubbi su come scrivere per i datori di lavoro pensa sempre ” professionale e cortese “. Non sai chi leggerà le tue e-mail, applicazioni o messaggi: la persona che stai contattando potrebbe essere il tuo futuro capo.

3. … ma mantieni il tuo significato chiaro e risparmia spazio

Solo perché scrivi in ​​modo professionale, non significa che devi scrivere in modo eccessivamente florido o accademico. Lo stile prolisso e il linguaggio che potresti usare nei saggi universitari (specialmente se stai cercando di fare il conteggio delle parole) non impressioneranno i reclutatori. È molto meglio arrivare subito al punto.

Ad esempio, invece di “Ti sto contattando in merito alla posizione da te pubblicizzata” scrivi “Ti scrivo per candidarmi per il lavoro che hai pubblicizzato”. Trasmetti le informazioni nel modo più chiaro possibile e dì cosa intendi: sii il più specifico possibile. Ciò ti aiuterà anche ad adattarti maggiormente alle applicazioni con un conteggio di parole o lettere rigoroso.

4. Controlla attentamente la grammatica e l’ortografia

I correttori ortografici e grammaticali (come quelli integrati negli elaboratori di testi o nelle app come Grammarly) rileveranno molti errori, ma spesso commetteranno errori propri o correggeranno qualcosa che non era effettivamente errato in primo luogo. Questo vale anche per la correzione automatica, che potrebbe correggere i tuoi errori di ortografia sostituendola con una parola completamente diversa. Dai una rapida lettura a tutto ciò che scrivi per individuare eventuali errori di ululato e, se stai inviando una domanda, vale la pena che un amico o un parente la esamini attentamente. Anche se potrebbero non cambiare completamente il significato di ciò che stai cercando di dire, molti piccoli errori di ortografia e grammatica potrebbero dire ai reclutatori che non hai l’abilità cruciale dell’attenzione ai dettagli.

5. Scrivi attivamente

Usa un linguaggio attivo per enfatizzare le TUE azioni ei TUOI risultati nella tua scrittura. La voce passiva, su cui si agisce sul soggetto, non è così impattante e rischia di sottovalutare le cose di cui stai cercando di gridare. Gli omaggi tipici della voce passiva sono “essere”, “è”, “era”, “erano”, “sono” e “sono”. Per esempio:

  • Passivo: ero responsabile del lancio di un nuovo processo.
  • Attivo: ho avviato un nuovo processo.
  • Ora hai anche spazio per spiegare cosa ha fatto il processo: il processo ha raddoppiato la percentuale di chiamate del mio team e ha ottenuto un aumento del 20% delle vendite.

6. Fare attenzione quando si inviano messaggi rapidi

È facile inviare rapidamente un messaggio o un’e-mail senza rivedere il tono e la qualità dei contenuti.

Prima di premere “invia” o “invio”, controlla il tuo messaggio con la stessa attenzione che faresti con una lettera stampata. Ciò è particolarmente vero quando rispondi a un reclutatore di cui non sei soddisfatto (ad esempio, l’azienda ha rifiutato la tua domanda). Non vuoi bruciare i ponti.

7. Fai in modo che i social media funzionino per te

Il networking online è un modo chiave per studenti e laureati in cerca di lavoro per entrare in contatto con i datori di lavoro, ottenere consigli e tenere d’occhio le opportunità. Tuttavia, assicurati che la tua presenza sui social media aiuti piuttosto che ostacolare la tua ricerca di lavoro. Assicurati che il tuo profilo LinkedIn crei la giusta impressione e fai attenzione a quali altri profili di social media potrebbe collegarsi. Controlla le tue impostazioni sulla privacy su Facebook, Twitter e Instagram per assicurarti che solo le persone a cui vuoi vedere i tuoi post vedano i tuoi post. Scopri di più su come far funzionare la tua presenza sui social media per te .

8. E infine: il consiglio più importante

Controlla sempre l’ortografia e la grammatica, anche per la più breve corrispondenza. Questo suggerimento è così importante che l’abbiamo incluso due volte.

Parole d’ordine del datore di lavoro e parole di azione

Ci sono alcune parole che sono fondamentali per catturare l’interesse di un datore di lavoro. I reclutatori noteranno quando parlerai la loro lingua e abbinerai la frase usata nell’annuncio di lavoro. Considera l’idea di includere alcuni dei seguenti elementi nel tuo CV o nella tua candidatura (ma fai attenzione a non esagerare o usarli dove non hanno senso).

  • iniziativa
  • giocatore di squadra
  • proattivi
  • automotivato.

Puoi anche parlare in termini di azioni che ottieni attraverso le tue abilità usando verbi buoni e forti nelle tue applicazioni scritte:

  • guidato
  • raggiunto
  • completato
  • coordinato
  • delegato
  • consegnato
  • identificato
  • presentata
  • promosso
  • segnalato
  • risolto
  • organizzato.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Covering Letter Essentials For Graduate Vacancies

Fare Domande Speculative Per Lavori Laureati