in

Come essere un self-starter e prendere l’iniziativa al lavoro

Vuoi essere un self-starter e prendere l’iniziativa al lavoro? Questi 10 consigli essenziali cambieranno la tua mentalità e cambieranno il tuo modo di lavorare.

Perché devo essere un self-starter e prendere l’iniziativa al lavoro? Questi tratti non sono necessari solo per gli imprenditori? Dopotutto, il viaggio verso il successo non consiste solo nel battere la concorrenza?

Ho pensato in questo modo per anni. Fin da bambino, ho prosperato nel competere contro i miei coetanei. Ho vinto tutte le partite, ho superato ogni test e mi sono divertito a guardare il mio piano quinquennale davanti a un caffè quando avevo sette anni: ok, dimentica il caffè, ma hai capito l’idea. C’era qualcosa di coinvolgente e soddisfacente nel raggiungere i miei obiettivi e superare i miei coetanei. E quando sono entrato nella forza lavoro da adulto, ho portato con me questa ideologia.

Da Millennial più anziano, sono cresciuto credendo che il successo aziendale significasse un ufficio d’angolo a Manhattan, enormi spalline e pompe Jimmy Choo. Ok, forse ho guardato un po’ troppo Sex and the City crescendo, ma capisci il mio punto.

Quando ho ottenuto il mio permesso di lavoro, ho seguito l’inno di Dolly Parton, 9 a 5 alla lettera.[1] Mi sono concentrato sul salire la scala invisibile fino in cima ed evitare le insidie rimanendo un passo avanti rispetto alla concorrenza.

Diciamo solo che non ha funzionato a lungo.

Mi sono presto reso conto che la vita all’interno del settore imprenditoriale non riecheggiava più una sitcom degli anni ’90. Semmai, era l’antitesi di ciò che avevo imparato crescendo. E se volevo stare davanti al gioco, avevo bisogno di capire le nuove regole. Ho dovuto acquisire una mentalità imprenditoriale, diventare un autodidatta e imparare a prendere l’iniziativa.

Se vuoi avere successo quest’anno, potrebbe essere necessario spostare la tua attenzione. Ci vorrà del lavoro, ma te l’ho reso più facile. Ecco dieci suggerimenti essenziali che cambieranno il tuo modo di lavorare e ti aiuteranno a diventare un autodidatta.

1. Corri la tua gara e imposta il tuo ritmo

Quando non riesci più a vedere la tua concorrenza, aumenti il tuo gioco. Essere un self-starter è più che pubblicare selfie su Instagram con l’hashtag #EntrepreneurLife. Ci vuole lavoro e tempo.

Correre la tua gara richiede di guardare avanti e non intorno. Quando ti prendi il tempo per concentrarti sul tuo viaggio, non ti interessa quanto velocemente o lentamente le persone intorno a te stiano viaggiando. La loro razza non è il vostro destino. Non permettere che il loro movimento diventi la tua distrazione.

Quindi, imposta il tuo ritmo, pianifica la tua giornata e scopri come lavori meglio. Quando ti prendi il tempo per diventare un autodidatta, ti permetti di lavorare in modo diverso. E questo può essere incredibilmente liberatorio e utile.

2. Salta i rituali e dirama un po ‘

Quando ho lanciato per la prima volta la mia attività, non avevo idea di come pianificare la mia giornata. Ero abituato a lavorare le stesse quaranta ore a settimana, a fare pause pranzo allo stesso tempo e a conversare con le stesse persone giorno dopo giorno. Inutile dire che la mia vita era un po’ noiosa.

È stato bello sapere cosa aspettarsi ogni giorno. Ma quando mi sono allontanato dalla scatola e ho colorato fuori dalle righe, mi sono reso conto che questi rituali di identità mi impedivano di andare avanti e raggiungere i miei obiettivi di carriera. Pensaci, “sei la media delle cinque persone con cui passi più tempo”.[2] Lascia che affondi per un momento. Guarda i tuoi obiettivi e poi guarda le persone accanto a te.

Non ti sto incoraggiando a buttare via le amicizie o a rifiutarti di parlare con i tuoi colleghi. Quello che sto dicendo è che devi mescolare un po ‘le cose se vuoi essere un autodidatta. Non farti trascinare nella festa di lamentele del gruppo. Lascia che gli altri facciano il broncio nell’angolo. Hai obiettivi da raggiungere e lavoro da fare.

Quindi, prima di affrontare un’altra settimana di frustrazione, metti in discussione ciò che ti circonda e conosci alcune nuove persone in ufficio. Abbraccia la diversità delle varie prospettive e lascia che influenzi i tuoi obiettivi.

3. Non accontentarti di una scatola se vuoi avere successo

La concorrenza ti mantiene al top. Ma ecco l’affare; la parte superiore è relativa: è legata all’etica del lavoro e all’abilità di coloro che ti circondano. Se ti sforzi solo di essere il migliore rispetto agli altri, limiti il tuo potenziale reale perché puoi andare solo fino a quando tutti gli altri desiderano andare.

Per raggiungere la cima, devi sfondare le barriere e devi essere disposto ad andare controcorrente e andare oltre le aspettative e le scuse dei tuoi colleghi. Ricorda che non tutti vogliono superare una particolare fase. Molte persone vogliono solo effettuare il check-in, il check-out e quindi inserire il check-in nel proprio conto bancario il giorno di paga.

Se impari come essere un autodidatta e prendi l’iniziativa al lavoro, il cielo è il limite. Tuttavia, se rimani bloccato nella competizione contro coloro che ti circondano, non raggiungerai mai i tuoi obiettivi: rimarrai bloccato a seguire i sogni di qualcun altro e perderai completamente i tuoi obiettivi.

4. Sii insegnabile e cerca di imparare

Nessuno si sarebbe mai aspettato di trovare potenziali clienti di coaching su Tik Tok, adattarsi a un modello di leadership laterale o lavorare da casa 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per un anno intero. Il 2020 ha completamente cambiato il mondo degli affari e siamo stati spinti fuori dall’immersione alta e non siamo stati dotati di giubbotti di salvataggio.

Nessuno si è preso il tempo di insegnarci a ballare, cantare o presentare un pitch aziendale sui social media. Il settore degli affari ha sempre riguardato il “know-how”, non intrattenendo estranei online. Ma tutto questo è cambiato. La vita è molto diversa da quella che abbiamo imparato al college.

Anni fa, potresti aver ricevuto un A + per una presentazione su cartone con immagini incollate, ma le persone vogliono di più e meritano di più. Per avere successo nell’ambiente di lavoro di oggi, è necessario creare qualcosa di meglio di un display di cartoncino. Devi fare domande, consultarti con i tuoi colleghi e seguire una lezione o due se vuoi espandere la tua capacità di connetterti e, soprattutto, comunicare le tue idee.

Se vuoi avere successo nella forza lavoro di oggi, devi presentare più di una laurea Ivy League. Devi portare una fame di imparare e la volontà di adattarsi.

5. Essere un self-starter richiede di essere auto-consapevole

Una delle cose peggiori che puoi fare è andare avanti senza direzione. Dopotutto, solo perché ti stai muovendo non significa che stai facendo progressi.

Se vuoi essere un auto-starter, allora devi essere auto-consapevole. E l’introspezione non è sempre la più comoda. Quando comprendi i tuoi punti di forza e di debolezza, puoi nascondere ed evitare l’accettazione, trovare scuse e rifiutarti di adattarti, o affrontare i fatti e abbracciare l’imbarazzo.

Prendere l’iniziativa sul lavoro richiede che tu assuma la proprietà del tuo presente e del tuo passato. È l’unico modo per andare avanti.

6. Conosci te stesso e poi accetta te stesso

Prima di iniziare la mia attività, lavoravo nel mondo 9-5 e giudicavo sempre le mie prestazioni rispetto ai miei colleghi. Mi davo una pacca sulla spalla, tenevo la testa alta e mi sentivo sicuro per circa cinque secondi.

Ma la sensazione non durò mai a lungo. Dietro il mio sorriso e il mio carisma, sentivo che non avrei mai potuto tenere il passo. Affrontare la realtà non è stato facile, ma sono estremamente grato per questa sensazione. Quando ho accettato me stesso, mi sono permesso di progredire con le verruche e tutto il resto.

Quando ti prendi il tempo per celebrare chi sei e i tuoi obiettivi, non ti interessa replicare la tua vita dopo qualcun altro. Ti rendi conto che non vuoi seguire il percorso di qualcun altro. Se vuoi avere successo, allora devi possedere i tuoi obiettivi e prendere l’iniziativa per portare a compimento i tuoi sogni. Quindi, la prossima volta che vedi il tuo riflesso, celebra chi sei e alzati in piedi.

7. Sviluppare una mentalità imprenditoriale

Se vuoi essere un autodidatta, devi imparare a stare da solo. Ciò significa che devi sviluppare la mente di un imprenditore, anche se non hai mai intenzione di lasciare il tuo lavoro da 9 a 5. Non si tratta della posizione. Si tratta di prospettiva.

Avere una mentalità imprenditoriale ti dà la possibilità di pensare in modo diverso e ottenere gli strumenti necessari per essere un autodidatta e prendere l’iniziativa sul lavoro.

Se sei nuovo a questo concetto, ecco tre strumenti che ti aiuteranno a sviluppare questo tipo di mentalità:

  • Devi abbracciare le sfide e vederle come trampolini di lancio verso il progresso.[3]
  • Circondati di altri imprenditori.[4] Quando sei con persone nello stesso campo, ti spronano a scavare più a fondo e rischiare di più. Essere un imprenditore è una posizione solitaria. Quando ti connetti con altri pioli quadrati in fori rotondi, crei un sistema di supporto e una forte comunità.
  • Preparati a nuotare controcorrente, guadare in acqua da solo e affrontare le onde di venti piedi mentre persegui i tuoi obiettivi.[5]
  • L’imprenditorialità non è facile. Ma è uno dei tratti più significativi che ti aiuterà a diventare un autodidatta e a prendere più iniziativa sul lavoro.

Non è necessario essere un imprenditore per seguire la propria strada. Hai solo bisogno di conoscere te stesso, smettere di giudicare te stesso e correre la tua gara senza confrontarti con chi ti circonda.

8. Sii un team-worker

Una delle caratteristiche più importanti di un auto-starter è la loro capacità di stare in piedi da soli e fare le cose. Tuttavia, ci sono momenti in cui dovrai lavorare e collaborare con altre persone. Ci sono momenti in cui semplicemente non puoi permetterti di essere un’isola. In tali situazioni, il successo del progetto di solito dipende dalla capacità dell’intero team di lavorare in modo cooperativo.

Permettetemi di divagare un po’ nel mondo dello sport. Se sei un appassionato di basket, noterai quanta enfasi viene posta sul lavoro di squadra e sulla chimica quando organizzi una squadra di basket. Questo perché non importa quanto sia talentuosa una squadra se non può coesistere l’una con l’altra, incontrerà seri problemi lungo la linea.

Lo stesso vale per i luoghi di lavoro e simili. Come autodidatta, devi essere in grado di coinvolgere altri membri del team, assicurandoti che tutti conoscano i loro doveri. Inoltre, devi capire come affermare in modo assertivo le tue opinioni rispettando anche le opinioni degli altri. Dopo aver organizzato le attività, la comunicazione su queste attività dovrebbe essere chiara a tutti i membri del team. Il team deciderà anche le sue riunioni, scadenze, punizioni e simili.

9. Non concentrarti sul fallimento

Il fallimento fa schifo. Ve lo posso assicurare, ma probabilmente lo sapete già! Ma devi capire che il fallimento fa parte della vita. Sembra così generico, lo so, ma è assolutamente corretto. La vita non è sempre fluida e ci saranno momenti in cui non otterrai la tua strada.

Ma la differenza tra un autodidatta e un uomo comune è la loro risposta a quel fallimento. Gli autodidatti non si concentrano sui loro fallimenti. Non lasciano che i loro fallimenti li scoraggino dal correre rischi. Invece, imparano da loro e vanno avanti.

Nessuno prega mai per il fallimento, ma devi comunque essere in grado di gestirlo. E in questi casi, chiediti lezioni che puoi imparare dall’esperienza. Quindi sposta la tua attenzione sugli aspetti positivi – ciò in cui sei effettivamente riuscito e lascia che ti motivi a lavorare e sforzarti di più.

10. Evita la procrastinazione

Questo è uno di quei consigli in cui è molto più facile a dirsi che a farsi. È sempre più facile dire: “Lo farò più tardi”, piuttosto che alzarsi e farlo ora. Evita la procrastinazione con tutti i mezzi.

Se hai un’attività o un compito da svolgere, lascia che la tua mentalità sia quella di farlo “ora” e non “dopo”. Non solo completerai i tuoi compiti il più velocemente possibile, ma inculcherai anche una mentalità vincente.

Anche se ottieni ogni altra cosa in questo articolo giusta, se non riesci a smettere di procrastinare, non farai mai progressi reali come autodidatta.

Quali abilità di self-starter puoi mostrare in un’intervista?

Ogni datore di lavoro vuole un auto-avviamento per la propria azienda a causa dei numerosi vantaggi che portano in tavola. Questo è il motivo per cui nelle interviste, gli intervistatori sono sempre alla ricerca di determinate abilità che accompagnano naturalmente gli autodidatti. Di seguito sono riportate alcune di queste abilità vitali.

Auto-motivazione

I self-starter di solito possono motivarsi a lavorare. Non hanno bisogno di essere costretti, costretti o minacciati a lavorare prima di fare le cose. Questo è un fattore critico in molte interviste, poiché le persone auto-motivate significheranno meno oneri per i datori di lavoro e maggiore produttività ed efficienza.

Fiducia

Gli autodidatti sono in genere molto fiduciosi nelle loro capacità. Ripongono molta fiducia nella loro discrezione e capacità di fare le scelte giuste in ogni momento, e di solito paga bene nelle interviste. Trasudare fiducia è forse la migliore forma di rassicurazione di cui i tuoi datori di lavoro hanno bisogno in quanto significa che non sarai facilmente influenzato da varie opinioni nel corso del lavoro.

Tuttavia, è necessario fare una distinzione tra fiducia e eccessiva fiducia. Il primo è eccellente; l’altro è assolutamente orribile. I compagni troppo fiduciosi non accettano consigli dagli altri o credono di essere al di là della correzione. Fidati di me; non c’è bandiera rossa più grande in un’intervista di una persona che non sembra flessibile alla correzione e al cambiamento.

Ambizione

Punta in grande – questo è il messaggio. È così semplice, davvero. Non accontentarti solo del livello inferiore quando puoi mirare a cose molto più grandi. Questa è una delle abilità che possono farti guadagnare favore agli occhi degli intervistatori. Nessuno vuole una piccola mente nei propri affari.

Ma è necessario assicurarsi che le ambizioni siano realistiche. Se suonano più come cose che chiederesti a un genio, allora farai incazzare gli intervistatori. Per lanciare ambizioni realistiche, fai molte ricerche prima di partecipare al colloquio per sapere dove si trova il business e dove possono essere.

Disciplina

Uno dei motivi più comuni per cui le persone perdono il lavoro è la mancanza di disciplina. Come puoi immaginare, i datori di lavoro sono molto diffidenti nei confronti della disciplina dei potenziali dipendenti. Come autodidatta, la disciplina è fondamentale. Essere in grado di trattenersi quando necessario e seguire determinate linee guida stabilite è un modo per conquistare il cuore degli intervistatori.

La disciplina è un’abilità così preziosa da avere. Un modo per migliorare la disciplina è impostare un programma e seguirlo da vicino. All’inizio può iniziare con piccole cose, come a che ora vai a letto e ti svegli. Padroneggiare questo aiuterà a migliorare la tua disciplina generale.

Buone capacità comunicative

Fin dal primo punto di contatto con i tuoi intervistatori, spesso hanno già una buona idea di quanto siano buone le tue capacità comunicative. A volte non c’è nemmeno bisogno di dire una parola, e qui sono morto sul serio.

Come autodidatta, devi essere in grado di comunicare i tuoi obiettivi in modo efficace e anche passare attraverso le informazioni essenziali. Questo è possibile solo con buone capacità comunicative. Sapere quando iniziare a parlare e sapere quando smettere di parlare. Osserva attentamente le tue espressioni facciali. Presta molta attenzione a tutti i segnali di comunicazione.

Considerazioni finali

In molti modi, imparare come essere un autodidatta e prendere l’iniziativa sul lavoro ti dà gli strumenti per avere successo nella tua vita professionale e raggiungere i tuoi obiettivi personali.

Quindi, colora al di fuori di quelle linee, salta i rituali e percorri il tuo percorso. Crea una vita molto più appagante di una settimana lavorativa di quaranta ore. Raggiungi la tua destinazione senza essere scoraggiato dal rumore e lavora senza essere inscatolato al confronto.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Come i social media possono danneggiare la tua ricerca di lavoro e la tua futura carriera

4 modi efficaci per migliorare notevolmente le prestazioni lavorative