in

Come creare un piano di sviluppo personale per il successo professionale

Non è un segreto che la forza lavoro sia stata radicalmente modificata negli ultimi due anni. Sia che tu stia mantenendo la rotta nel tuo ruolo attuale, unendoti alla Grande Rassegnazione o navigando nella tua attività, vale la pena prendere un colpo per considerare dove sei diretto: qual è il tuo obiettivo finale?

Non è un segreto che la forza lavoro sia stata radicalmente modificata negli ultimi due anni. Sia che tu stia mantenendo la rotta nel tuo ruolo attuale, unendoti alla Grande Rassegnazione o navigando nella tua attività, vale la pena prendere un colpo per considerare dove sei diretto: qual è il tuo obiettivo finale?

Inoltre, essere strategici riguardo alla propria direzione è la chiave per raggiungere i propri obiettivi a lungo termine. È qui che un piano di sviluppo personale può tornare utile.

Ma cosa significa “piano di sviluppo personale”? Pensalo come un accordo con te stesso che delinea il tuo obiettivo a lungo termine e il percorso degli obiettivi a breve termine per arrivarci.

Prima di entrare nel nocciolo della creazione del tuo piano di sviluppo personale, ecco alcune considerazioni chiave.

Prima di fare un piano di sviluppo personale, rivolgiti verso l’interno

In un ormai famoso discorso di inizio alla classe del 2016 dell’Università di Harvard, il regista Stephen Spielberg ha offerto preziosi consigli di carriera: ascolta il tuo intuito.[1]

“Ascolta quella voce che ti dice cosa potresti fare. Niente definirà il tuo personaggio più di questo. Perché una volta che mi sono sintonizzato sulla mia intuizione, alcuni progetti hanno iniziato a trascinarmi in loro, e altri, da cui mi sono allontanato.

Non importa a che punto siamo nelle nostre carriere, che si tratti di neolaureati o di leadership senior. A volte, la voce di ciò che dovremmo fare soffoca il nostro istinto.

Sii proattivo nel sintonizzarti di nuovo sulla tua intuizione. Assicurati che i tuoi obiettivi siano compatibili con ciò a cui ti senti sinceramente attratto.

Una considerazione correlata: come ha detto Ryan Wolf, responsabile del benessere di Gallup, in un recente webcast,[2]

“È importante non prendere tutti i nostri obiettivi troppo sul serio e divertirsi con loro. Ricorda, i punti di forza sono aree di eccellenza, facilità e divertimento. Quindi dobbiamo assicurarci che … stiamo facendo cose che sono piacevoli.”

Mentre gli obiettivi dovrebbero essere compatibili con i nostri punti di forza, dovremmo anche goderci sinceramente il processo di lavorare verso di loro. Gli studi hanno dimostrato che mentre tendiamo a perseguire obiettivi considerati importanti, siamo più propensi a raggiungere obiettivi che sono divertenti da raggiungere.[3]

Se vuoi allenarti per una maratona ma riesci a malapena a allacciarti le scarpe da ginnastica per una breve corsa mattutina, allora forse prendi in considerazione un’altra sfida atletica.

Mentre pianifichi il tuo piano di sviluppo personale, tieni presente che sei tu a dover camminare nei tuoi panni ogni giorno, quindi assicurati che il percorso sia piacevole per te.

5 passaggi per creare un piano di sviluppo personale

Ecco cinque passaggi per creare il tuo piano di sviluppo personale per il successo professionale.

1. Inizia nel negativo

Avendo lanciato la mia azienda Jotform oltre 16 anni fa, posso attestare che una delle parti più difficili del raggiungimento degli obiettivi è scegliere quale perseguire e quale ignorare.

Gli studi dimostrano che le persone che sono facilmente distratte e bramano nuove esperienze hanno maggiori probabilità di avviare un’attività.[4][5] Come un campo minato, le distrazioni mascherate da obiettivi, come il rebranding (quando non è necessario) o l’assunzione (quando non sei pronto), sono ovunque e possono essere il peggior nemico della tua attività o carriera.

Quindi, come inizi a navigare in quel campo minato e scegli la tua direzione?

Secondo Dorie Clark, collaboratrice di Harvard Business Review, inizia in negativo, decidendo cosa non vuoi fare. Clark scrive:[6]

“Gli esseri umani sono programmati per non amare l’incertezza, e anche a volte perché temiamo di perdere lo status con gli altri se sembra che non sappiamo cosa stiamo facendo. Ma questa pressione può portarci a decidere prematuramente una linea d’azione che potrebbe non essere adatta. Invece, consiglio ai miei clienti di adottare l’approccio opposto: essere chiari su ciò che non si vuole, e poi prendere provvedimenti per evitarlo. “

Il processo di eliminazione può essere uno strumento utile per restringere le opzioni e dare il via al framework di sviluppo personale.

2. Scrivi una dichiarazione di missione

Un passo cruciale nella creazione del tuo piano di sviluppo personale è scrivere una dichiarazione di missione.

Ormai, è ampiamente accettato che scrivere i tuoi obiettivi aumenta le tue possibilità di raggiungerli. La ricerca ha dimostrato che impegnare obiettivi sulla carta aumenta la probabilità di raggiungerli di un enorme 42 percento![7]

Come imprenditore, parliamo spesso della dichiarazione di missione della nostra organizzazione, che è essenzialmente una parola di fantasia per obiettivo. Ma cosa dovrebbe contenere esattamente la tua dichiarazione di missione?

Dovrebbe includere il tuo obiettivo, così come il tuo approccio. Quindi, parti uguali alte e concrete.

Prendi la dichiarazione di missione di Jet Blue: “Ispirare l’umanità, sia in aria che a terra”. O Tesla: “Accelerare la transizione del mondo verso l’energia sostenibile”.[8]

La tua dichiarazione di missione dovrebbe essere chiara, raggiungibile e mostrare un tocco della tua personalità unica.

3. Ricerca i fondamenti

Mentre i primi passi nel tuo piano di sviluppo personale richiedono introspezione, non farai progressi reali verso il tuo obiettivo all’interno di un vuoto. Invece, devi uscire nel mondo (o su Internet) e imparare.

Dorie Clark consiglia di iniziare con i fondamentali. Come scrive per Harvard Business Review, “[F]ocus sull’equivalente professionale della ricerca di base e raddoppia le competenze e le conoscenze fondamentali che ti renderanno migliore, indipendentemente dalla direzione che alla fine decidi di perseguire”.[9]

Identifica gli argomenti che ti aiuteranno ad avanzare verso il tuo obiettivo. Ad esempio, se il tuo obiettivo è quello di essere promosso a un ruolo di leadership, potresti voler rispolverare le tue capacità di parlare in pubblico o sviluppare il tuo talento per la gestione delle persone.

La formazione continua formale è un’opzione, ma al giorno d’oggi ci sono così tanti modi per dirigere il proprio apprendimento. Skillshare, Coursera e Udacity sono solo alcune delle tante opzioni di formazione online.

Non sei un fan dell’apprendimento online? Non sottovalutare mai il potere del networking di persona. Pianifica un colloquio informativo con un professionista che ammiri. Chiedi di seguire qualcuno di cui vorresti emulare il percorso. Scegli ciò che funziona per te.

4. Decidi come misurare i progressi

Un passo semplice ma importante nel tuo piano di sviluppo personale è designare come misurerai i tuoi progresmentre procedi.

Quindi, che aspetto ha?

Crea un elenco di traguardi che vorresti raggiungere lungo la strada verso il tuo obiettivo a lungo termine, come ottenere un sottotitolo in una determinata pubblicazione, raggiungere un certo numero di follower, essere invitato a parlare a un evento o completare un numero X di corsi. Quindi, imposta un appuntamento regolare con te stesso, ad esempio, ogni mese o trimestre, per verificare se li stai incontrando.

Un vantaggio collaterale: ogni volta che spunti un altro traguardo raggiunto, godrai di quella scarica di adrenalina di realizzazione e ti sentirai più motivato a continuare.

5. Prendi la tua temperatura

Wendy Petties, CEO di Date Your Money, è riuscita a trasformare la sua vita finanziaria, passando dalla bancarotta al CEO di un business da un milione di dollari. Utilizzando il suo background unico come educatrice, aiuta i clienti a raggiungere i loro obiettivi personali e finanziari.

Parlando con Time, Petties ha sottolineato l’importanza di fidarsi del proprio corpo: “Fai il check-in con te stesso e chiedi ‘Ti senti bene o no?’ Puoi fluire e rifluire e cambiare. Continuo a fare il check-in. Non scendere a compromessi e tingerti di nodi in modi che non ti fanno sentire bene”.[10]

Naturalmente, è fondamentale controllare regolarmente se stai raggiungendo i tuoi traguardi oggettivi. Ma non dimenticare di consultare anche il tuo istinto. La tua esperienza soggettiva è altrettanto significativa.

Quindi, chiediti: come mi sento?

Se, in qualsiasi momento, il tuo percorso non si sente più bene – se, ad esempio, ti svegli in preda al panico e temi quello che stai facendo ogni giorno – scopri come cambiare rotta e tornare su un percorso che ti fa sentire bene.

Esempio di piano di sviluppo personale

Ora che abbiamo tolto di mezzo i dadi e i bulloni, ecco un esempio di come potrebbe essere un piano di sviluppo personale:

Dichiarazione d’intenti: Guidare una pubblicazione tecnologica online e modellare la copertura tecnologica di oggi.

Fondamenti:

  • Percorsi di carriera di Research Editor-in-Chief.
  • Pianifica interviste informative con tre EIC tecnologici.
  • Segui corsi online di tecnologia per acquisire competenze specialistiche.
  • Iscriviti a programmi di certificazione di editing avanzati.

Misurare i progressi tramite le pietre miliari:

  • Completa due programmi avanzati di certificazione di editing.
  • Ottieni 10 sottotitoli nelle pubblicazioni tecnologiche di quest’anno.
  • Fatti pubblicare in una rubrica tecnologica mensile entro il prossimo anno.
  • Lancia la newsletter tecnica.
  • Raggiungi 10k abbonati dopo un anno.
  • Essere promosso a Senior Editor.
  • Essere promosso a vicedirettore.
  • Essere promossi a EIC.

Considerazioni finali

Avere un piano di sviluppo personale è essenziale se si vuole garantire il successo della carriera. Utilizzando le conoscenze e il modello di cui sopra, imposta i tuoi obiettivi, misura i tuoi progressi e regola di conseguenza. Girati sempre verso l’interno e ascolta la tua intuizione se potresti trovarti bloccato. Ti condurrà sempre nella giusta direzione.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

4 semplici strategie per collaborazioni remote di successo

Come avere conversazioni difficili al lavoro: 3 passaggi chiave