in

Come avere conversazioni difficili al lavoro: 3 passaggi chiave

Avere conversazioni difficili al lavoro è una delle cose più impegnative che dobbiamo fare come datori di lavoro e dipendenti. Tutti lo temiamo, nessuno non vede l’ora di farlo, e solo pochissime persone possono farlo bene.

Ma avere conversazioni difficili può fare la differenza ed è una parte fondamentale dell’essere parte di una squadra, indipendentemente dallo stato o dal ruolo che svolgi all’interno di quella squadra. E queste conversazioni difficili sono spesso molto peggiori di quanto le facciamo credere perché le nostre menti portano le cose all’estremo per proteggerci.

Perché evitiamo conversazioni difficili al lavoro?

Perché lo facciamo a noi stessi? Perché ci piace evitare di avere conversazioni difficili? L’avremmo già capito se la risposta fosse stata così facile.

I nostri cervelli sono cablati per tenerci al sicuro, non per correre rischi.[1] Vorremo sempre evitare conflitti e resistere al cambiamento perché è molto più facile che essere sfidati a crescere e sentirsi a disagio. Ma appoggiarsi a questa paura del cambiamento è ciò che dobbiamo fare per sviluppare le competenze e le risorse per avere conversazioni difficili con i nostri colleghi, colleghi e team.

Le aziende risolvono i problemi e i problemi presenteranno sempre difficoltà che dovranno essere superate attraverso discussioni complesse, conversazioni approfondite e sfidando le capacità delle persone.

Eppure, questa è la bellezza di far parte di un team o di un’organizzazione. Superare una sfida può unire le persone. Ma quando quel risultato viene raggiunto insieme al danno collaterale di scarsa comunicazione, colpa o puntare il dito durante tutto il processo, allora diventa un fallimento a lungo termine.

3 passaggi chiave per affrontare conversazioni difficili sul lavoro

La ricerca mostra che avere migliori relazioni con i dipendenti equivale ad avere un migliore benessere e prestazioni lavorative. Inoltre, le relazioni di lavoro positive influenzano positivamente anche il comportamento e le maniere dei dipendenti.[2]

Quindi, è fondamentale che i dipendenti siano in grado di imparare come avviare conversazioni difficili sul lavoro al fine di rafforzare i rapporti di lavoro o ricostruire quelli vecchi.

Se vuoi migliorare la tua capacità di avviare conversazioni difficili in ufficio, inizia con questi tre passaggi chiave.

1. Avere la discussione di persona

Prima che i miei compagni millennial inizino a tremare nei loro sedili dietro i loro dispositivi, dobbiamo capire perché questo è un pezzo così essenziale del puzzle.

L’idea è che tutto si riduca al rispetto.

È facile nascondersi dietro uno schermo, perché ti dissoci dalla persona con cui stai parlando. Se sei disposto a sederti con qualcuno e discutere di un argomento emotivamente impegnativo o di un punto di tensione, è necessario il rispetto reciproco per farlo accadere.

Se non rispetti l’opinione di qualcuno, ciò che dicono o fanno non avrà importanza perché hai già deciso che non cambierai idea.[3] Questa sgradevole mentalità di fantasma o di lasciare qualcuno appeso è un segno significativo di mancanza di rispetto e di generale mancanza di maturità.

Se vuoi davvero avere una conversazione difficile e significativa per andare avanti con una relazione personale o professionale, deve essere fatto di persona. Secondo Margaret Schweer, “le relazioni con i colleghi iniziano con un volto umano”.[4]

Devi essere fisicamente presente per condividere la tua prospettiva e devi anche essere disposto ad ascoltare l’altra persona condividere la sua prospettiva. E al momento, il linguaggio del corpo può spesso dirci molto di più su ciò che qualcuno sta cercando di dire rispetto al semplice ascolto delle loro parole.

Le persone spesso ti diranno molto di più di quello che ti stanno effettivamente dicendo, quindi la tua capacità di cogliere le sfumature sottili migliorerà notevolmente quando sei fisicamente presente e seduto di fronte a loro.

Essere presenti è molto più che essere fisicamente presenti perché implica anche essere cognitivamente ed emotivamente lì.

2. Ascolta per capire, non per rispondere

Le conversazioni difficili non avvengono a causa di una piccola leggera o gesto. In molti casi, derivano da esiti ripetuti che non si risolvono mai da soli, il che causa ancora più angoscia emotiva e stress a causa della lunghezza che si è verificata.

La tua mentalità che entra in qualsiasi conversazione, che sia buona o cattiva, dovrebbe essere quella di assicurarti di padroneggiare le tue capacità comunicative.

E mentre la comunicazione in senso tradizionale è qualcosa che puoi controllare con le tue parole e l’uso dei gesti, implica anche pesantemente l’ascolto attivo e la comprensione da dove proviene l’altra persona.

L’intelligenza emotiva è un tratto molto apprezzato che molti leader cercano di padroneggiare perché consente loro di comprendere meglio la persona con cui stanno comunicando.[5] Permette anche loro di mettere i piedi nei panni di un’altra persona e trovare empatia per da dove potrebbero provenire.

Spesso dimentichiamo che il nostro ego è il nemico. Di solito siamo più preoccupati di preservare la nostra immagine, il che può indurci a respingere come si sente l’altra persona durante una conversazione.

Se non cerchiamo attivamente opportunità per capire cosa stanno dicendo, allora perderemo l’opportunità di apprezzare la loro prospettiva. E ogni volta che non riusciamo a connetterci in modo efficace, è spesso perché non siamo riusciti a comunicare.

3. Chiedi un feedback

Se avere conversazioni difficili è difficile, allora chiedere un feedback dovrebbe essere facile.

Quando finalmente superi la tua paura e inizi la discussione, scoprirai spesso che c’è stata una mancanza di comunicazione e che entrambe le parti hanno fatto ipotesi.

Queste supposizioni e il dialogo scadente di solito ci mettono nei guai perché peggiorano e cambiano completamente la nostra prospettiva dell’individuo seduto di fronte a noi.

La ricerca sui pregiudizi preconcetti nel contesto della tecnologia mostra che “mentre diversi tipi di esperienza hanno un effetto significativo sulla decisione di utilizzare un prodotto tecnologico, questo effetto è completamente bloccato dal pregiudizio preconcetto dell’individuo sulla tecnologia”.[6] Mentre questo studio è stato fatto nel contesto della tecnologia, possiamo anche osservarlo nel contesto delle relazioni.

Le nostre impressioni o supposizioni su qualcuno possono impedirci di conoscerle pienamente e sinceramente perché le nostre nozioni preconcette ci impediscono di accettare informazioni che non si adattano alla nostra idea preconcetta di quella persona.

Tuttavia, quando diventi aperto al feedback, di conseguenza diventi aperto ad ascoltare l’input dell’altra persona. Essere aperti al feedback può aprire le porte a discussioni future e darti l’opportunità di imparare dai tuoi errori mentre possiedi anche i tuoi errori del passato.

Tutti commettiamo errori, ma coloro che ripetono quegli errori sviluppano cattive abitudini e scarsi rapporti con i loro colleghi col passare del tempo.

Essere aperti al feedback consentirà ai tuoi colleghi di essere più aperti a condividere i loro punti di vista, il che intrinsecamente costruisce fiducia, comunicazione e legame tra gli individui all’interno dell’azienda.

Ricorda che avere una relazione solida non significa sempre meno disaccordi. Il più delle volte, significa avere una comunicazione più efficiente, che intrinsecamente consente livelli più elevati di fiducia e comprensione.

Agire cura tutti i dolori

Nella maggior parte delle situazioni, le conversazioni difficili sorgono a causa di ripetuti errori di giudizio o errori che non sono mai stati corretti fin dall’inizio. Quindi, se vuoi creare un cambiamento e facilitare una rinnovata fiducia in una relazione sul lavoro, allora devi agire e possedere le tue azioni.

Le azioni parleranno sempre più forte delle parole, quindi il tempo dirà come entrambe le parti rispondono alle discussioni difficili. Pertanto, possedere le tue azioni è l’unica opzione in questa equazione.

E quando puoi prendere possesso delle tue intenzioni andando avanti, sarai più disposto ad avere conversazioni difficili. Scoprirai anche che dovrai avere meno di queste conversazioni difficili perché puoi adattarti continuamente a standard più elevati.

Le conversazioni difficili non scompariranno mai, quindi più sei bravo ad averle, più efficiente sarai nel tuo lavoro.

Sii orgoglioso di possedere i tuoi risultati e non avrai problemi ad avviare conversazioni difficili al lavoro.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come creare un piano di sviluppo personale per il successo professionale

Come aumentare le possibilità di mobilità verso l’alto sul lavoro