in

7 modi per far fronte alla nuova ansia da lavoro

Insieme alla scoperta di sé, all’eccitazione e ad altri sentimenti confusi che trovare una professione diversa può far emergere, l’ansia in un nuovo lavoro è più comune di quanto si possa pensare.

La persona media cambia lavoro 12 volte nella sua vita.[1] Questo evento potrebbe non accadere troppo spesso per alcuni, quindi potremmo dimenticare cosa vuol dire essere la nuova persona e dover navigare in una miriade di ruoli e responsabilità professionali.

In effetti, molti dei miei clienti sono stati nella stessa organizzazione per decenni e, quindi, l’ansia per un nuovo lavoro è qualcosa che non avrebbero mai affrontato da adulti adulti.

Come affrontare la nuova ansia da lavoro

La grande rassegnazione (nota anche come il Grande Rimpasto), registra quantità di persone che hanno redatto le loro lettere di dimissioni alla ricerca di qualcos’altro, qualcosa di nuovo e qualcosa che si allinea con chi sono ora, a seguito di una significativa interruzione personale e professionale.[2]

È stato un tema chiave per molti dei miei clienti di career coaching che vogliono smettere di andare alla deriva e riprendere il controllo delle loro scelte di carriera. Ha portato a riflettere molto su cos’altro potevano fare per il lavoro e dove potevano trovare un lavoro che spunta tutti i loro nuovi valori e motivazioni.

Ecco sette modi per far fronte alla nuova ansia da lavoro per coloro che hanno scelto di entrare in un nuovo lavoro o sono stati costretti a trovare qualcosa di nuovo.

1. Ricorda che ti hanno scelto per un motivo

Ti hanno scelto! Tu sei il prescelto.

Seguendo tutte le abbondanti quantità di interesse, CV, interviste e decisioni che un responsabile del reclutamento doveva gestire, eri tu quello che aveva quello che stavano cercando. Tra tutti, sei stato selezionato.

Anche se nella rarissima occasione in cui eri l’unico candidato, l’azienda avrebbe comunque potuto farti fantasma o dire: “No, grazie!”

Quindi, prima ancora di aver iniziato il lavoro, dovrebbe sembrare una convalida che sei nella posizione migliore per aiutare quel team, dipartimento e organizzazione con il loro continuo successo. Ottimo lavoro!

2. Gestisci le tue aspettative

Una volta che hai finito di celebrare la tua bellezza, ora dobbiamo parlare di questa cosa chiamata nuova ansia da lavoro. L’ansia in un nuovo ruolo è reale. Ci saranno così tante cose che non sai, e ti sembrerà considerevolmente diverso da dove eri prima, persino orribile e scomodo.

Quella zona di comfort in cui conoscevi tutti gli acronimi, il nome di tutti e dove erano archiviate tutte le cartelle scomparirà presto e al suo posto ci sarà una forma di nuova ansia da lavoro. Potresti soffrire di sindrome dell’impostore o ondate di insicurezza. Fidati di me, ci sono stato un paio di volte.

La cosa fondamentale qui è comporre le prime aspettative di te stesso. Dico sempre ai clienti che iniziano nuovi lavori che nei loro primi 90 giorni, sono generalmente liberi di fare tutte le domande che vogliono. Più sono, meglio è.

“Che cosa significa?”

“Perché lo fai in questo modo?”

“Come faccio?”

Questo è il tuo periodo di “successo gratuito”, quindi inizia a oscillare.

Non è realistico pensare che ti esibirai immediatamente al livello in cui eri solo pochi mesi prima, quindi sii consapevole di questo.

Quando ho fatto un enorme cambio di carriera nel 2018, mi sentivo come se avessi preso la decisione sbagliata perché ero passato dal sapere tutto e tutti a niente e nessuno. Non era necessariamente vero, ma sembrava così.

Tutto quello che potevo vedere erano le cose che non sapevo, che creavano ansia piuttosto che l’eccitazione di imparare un sacco di cose nuove di zecca per integrare ed evolvere tutte le mie conoscenze precedenti.

Lascia il tuo perfezionismo alla porta, almeno per ora. Basta presentarsi, fare domande e divertirsi guardando i nuovi membri del tuo team affrontare la burocrazia per ottenere l’accesso a tutti i sistemi di cui hai bisogno.

3. Porta il pensiero in tribunale

Quanto dura l’ansia da nuovo lavoro? Bene, ci sono molte varianti qui che possono svolgere un ruolo.

Ricordo che uno dei miei interruttori si sentiva così ansioso per mesi. Ogni giorno, entro in un grande edificio con aspettative più grandi e la convinzione di non sapere cosa stavo facendo.

Prima ancora che accadesse qualcosa quel giorno, ero pieno di terrore ed ero seduto con altre persone che sapevano più di me ed erano migliori di me. Mi preoccupavo così tanto di sbagliare le cose e di non capire di cosa stessero parlando. Questo accadeva ogni giorno fino a quando non ho iniziato a portare i miei pensieri in tribunale.

Se avessi un pensiero consistente in qualcosa del tipo: “Non lo capirò mai”, mi chiedevo solo se potevo dimostrarlo o confutarlo. Portalo in tribunale! Certo, quel pensiero era una storia e non un fatto. Alla fine otterrei tutto, solo un po ‘oggi.

“Loro sanno più di me” – portatelo in tribunale. Dimostralo.

È una storia che hai inventato o è un dato di fatto? Quali prove hai per fare una chiamata enorme come quella? E come faresti mai a saperlo? Ciò che sai e ciò che gli altri sanno è diverso, non di più, non di meno, solo diverso. E scommetto che conosci cose diverse da quelle che sa il tuo nuovo compagno di squadra.

4. Giornale

Il diario: il santuario non giudicante. Non richiede altro che onestà e regolarità e può assorbire tutti i tuoi pensieri e sputarli indietro per farti analizzare e comprendere meglio te stesso e qualsiasi evento della vita che potrebbe verificarsi. Fa miracoli per l’ansia in un nuovo lavoro.

Non posso dirti esattamente perché ho iniziato un diario in uno dei miei nuovi lavori, ma per qualche ragione, ho solo pensato che sarebbe stato utile e interessante tenere traccia di ciò che stava accadendo nella mia testa durante un significativo periodo di transizione personale.

Nei primi giorni, stavo solo registrando le cose che avevo fatto, con chi mi sedevo e cosa facevano. Ho registrato maggiori dettagli su ciò che ci si aspettava da me, su ciò che il team ha fatto e su quali erano i loro background. Ci sono tornato un paio di volte perché mi sembrava il mio posto sicuro, un posto dove potevo testare ciò che mi era stato appena detto, ma metterlo in una lingua che capivo.

Dopo la seconda settimana, ho scritto a caso del mio viaggio al lavoro e di come il treno è stato ritardato e imballato, che poi mi ha messo in un po ‘di broncio fino alle 11 del mattino. Questa era la prima volta che esprimevo qualsiasi tipo di dettaglio su come mi sentivo.

Il giorno seguente, scrissi: “Sentiti bene oggi, positivo”. Il giorno dopo “accenno di insicurezza”, e il giorno dopo, “sopraffatto”. Stavo registrando ciò che stavo imparando sul ruolo, ma anche su come mi sentivo al riguardo.

Con il passare delle settimane e dei mesi, ho iniziato a imparare tanto su me stesso quanto sul nuovo lavoro. Usando questo esercizio di journaling, ho diffuso molte situazioni negative che in precedenza avrebbero potuto portarmi in una tana del coniglio di autocommiserazione e vergogna.

Il diario ora costituisce una parte regolare della mia giornata lavorativa, indipendentemente dal lavoro che faccio o da quanto tempo lo faccio. È la scheda tattica a cui posso fare riferimento. Si raddoppia come un ottimo strumento di consapevolezza e da qualche parte è possibile registrare i propri successi.

Inoltre, puoi usarlo in qualsiasi situazione di cambiamento, nuova dieta, gestione dello stress, abitudini, ecc. Può migliorare il processo decisionale, il pensiero critico, la calma e il controllo, oltre a fornire l’opportunità di rimuovere il disordine dalla memoria per avere pensieri più chiari.

5. Deviare la politica

A volte, i team amano una nuova persona: carne fresca da scavare e qualcun altro per aiutare con il carico di lavoro.

Potresti avere persone davvero simpatiche che vogliono aiutarti e conoscerti, persone che già conoscono la cultura e le regole non scritte del dipartimento. Consciamente o inconsciamente, il loro desiderio di fare nuove amicizie e condividere eccessivamente la loro opinione con le parti interessate può interrompere la tua comprensione organica di chi è chi e cosa deve fare.

Penso sempre che sia meglio preoccuparsi dei propri affari se qualcuno vuole parlare negativamente di qualcosa o di qualcun altro. Potrebbero solo cercare di influenzarti. L’ho visto accadere un paio di volte in passato: pettegolezzi professionisti che litigavano con una recluta.

Vai avanti e ascolta, naturalmente, ma non lasciare che offuschino la tua visione sugli altri prima ancora di averli incontrati.

6. Sii onesto con il capo

È compito del tuo capo sistemarti. Possono delegare parti di esso ai membri del team. Ma alla fine, spetta a loro aiutarti ad aggiornarti e sentirti parte di tutto.

Pertanto, è importante condividere regolarmente tutto ciò che funziona o non funziona per te, in modo che possano regolare le cose di conseguenza. Nessuno di voi è un lettore mentale, ed è una fase vitale in cui state imparando a conoscere come funziona meglio l’altro.

Mantieni le conversazioni in corso regolarmente. Un capo decente dovrebbe prenotarli per te almeno per le prime settimane. Questi dovrebbero essere un rapido recupero giornaliero o sessioni settimanali più lunghe in modo che possano servirti.

7. Conosci le persone dietro i titoli di lavoro

Costruire connessioni con i tuoi nuovi colleghi di lavoro allevierà qualsiasi nuova ansia da lavoro. Migliore è la connessione e la fiducia che si costruisce prima, più proattiva e premurosa sarà la loro formazione o trasmissione di conoscenze.

Le nuove persone a volte possono essere viste come una minaccia, specialmente se vieni dall’esterno dell’organizzazione. Nuove conoscenze e cambiamenti possono sentirsi a disagio anche per i colleghi affermati. Ma conoscendoli come persone e mostrando la tua vulnerabilità alla squadra, abbatti i muri e le relazioni possono rapidamente sbocciare.

Gli animali domestici sono sempre buoni che si presentano ogni volta che ho cambiato lavoro. Avrai regolarmente un’idea della squadra che ha amici pelosi e poi probabilmente ti verrà chiesto di portare il tuo cane su una chiamata Zoom.

Siamo creature sociali e ci piace costruire comunità, quindi se ci sono opportunità di andare a bere qualcosa o altri eventi sociali all’inizio del tuo ruolo, prendili mentre costruiscono ricordi collettivi.

Probabilmente sarai sopraffatto dalle informazioni nei primi mesi, quindi avere alcune persone che possono aiutare a tagliare le cose meno importanti aiuterà ad alleviare quella nuova ansia da lavoro.

Considerazioni finali

Iniziare qualcosa di nuovo che ha molto da cavalcare causerà generalmente un certo livello di ansia, ma la cosa fondamentale è che tutti sono nel tuo angolo e pronti a sostenere.

Quindi, usa quella nuova ansia da lavoro comune per aumentare la tua autoconsapevolezza e lasciarla dissipare. Una volta che ti sei sistemato, non dimenticare di dire alla nuova persona dopo di te come l’hai superata. Hai questo.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

7 consigli su come pianificare la crescita e lo sviluppo della tua carriera

13 modi per impostare i limiti al lavoro quando si lavora in remoto