in

13 modi per impostare i limiti al lavoro quando si lavora in remoto

Perché stabilire dei limiti sul lavoro è così difficile? Abbiamo paura di metterci nei guai o di perdere il lavoro? O siamo preoccupati di ciò che gli altri penseranno di noi se creiamo e ci atteniamo ai nostri confini?

Il rovescio della medaglia, cosa succede se non creiamo confini? Possiamo essere sopraffatti, bruciati e mettere i bisogni di tutti gli altri prima dei nostri, il che può significare dire un sacco di “no” alle cose che vogliamo davvero. Questo può essere particolarmente difficile se stai lavorando da remoto o a casa.

Come impostare i limiti al lavoro quando si lavora in remoto

Per quanto siano difficili da stabilire, i confini sul lavoro sono cruciali per il nostro benessere mentale, emotivo e fisico. La buona notizia è che, con i passi e la pratica giusti, diventa più facile.

Quindi, quali sono questi passaggi?

Ecco 13 modi per impostare i limiti al lavoro quando si lavora in remoto.

1. Avere forti ragioni motivanti dietro la creazione di confini

Cosa potresti fare di diverso se avessi più tempo ed energia nella tua giornata? Come ci si sentirebbe? Potresti passare più tempo con le persone che ami o provare attività nuove o divertenti?

Trova una ragione o due che ti costringeranno a creare e mantenere confini, qualcosa che valga la pena. Avere una forte motivazione a fare qualcosa ci aiuta a spingerci a lavorare di più per quell’obiettivo. Rafforzare la nostra motivazione ci rende più resilienti e ci sforziamo di più per realizzare ciò che vogliamo fare, come fare piani, sviluppare i nostri talenti e persino creare confini.[1]

Quando lavori da remoto, a volte puoi sentirti come se non stessi lavorando abbastanza o facendo abbastanza. Creare confini significa anche sapere quando uscire e godersi la vita dopo che la giornata lavorativa è finita.

2. Identifica eventuali paure o credenze che hai intorno ai confini

Uno dei motivi principali per cui non siamo bravi a stabilire i confini sul lavoro è perché abbiamo paura delle conseguenze: perdere il lavoro, perdere, ferire i sentimenti di qualcuno, ecc.

Per questo passaggio, elenca tutte le paure o le convinzioni che hai intorno ai confini, quindi valutale in base a quanto siano razionali. Ad esempio, verrai effettivamente licenziato se non rispondi immediatamente all’e-mail del tuo capo dopo l’orario di lavoro? O è solo una storia che racconti a te stesso?

Nota eventuali convinzioni realistiche o razionali che potrebbero essere dannose per te, in quanto potrebbe essere necessario modificare le strategie imminenti per adattarsi a loro. Mentre lavori da remoto, pianifica un check-in settimanale con il tuo capo o il tuo team per assicurarti che i sentimenti di tutti vengano ascoltati e che i bisogni vengano soddisfatti.

3. Crea il tuo programma ideale

Uno dei vantaggi di lavorare da remoto è la creazione di routine intorno al tuo programma di lavoro. Se potessi creare il tuo programma ideale, come sarebbe? Come si inserisce all’interno del tuo orario di lavoro? Si allinea?

Stabilire dei limiti significa anche ritagliarsi del tempo per le pause pranzo. Anche se lavorare da casa può tentarti a portare i tuoi pasti alla scrivania, ricorda di chiederti se questo è qualcosa che faresti se fossi in ufficio.

Ritagliati i pasti, le sessioni di meditazione o anche un allenamento veloce durante la giornata. Creare confini significa anche prendersi cura della propria salute fisica e mentale.

4. Blocca il tuo calendario per allinearti al tuo programma ideale

Prendendo il tuo programma di lavoro ideale, aggiorna il tuo calendario per rifletterlo.

Blocca gli orari in cui non vuoi essere disponibile. Ciò elimina la possibilità che qualcuno ti prenoti per una riunione durante le tue “ore di riposo” senza prima verificare con te il permesso.

Se qualcuno ti prenota durante il periodo di blocco, ricorda gentilmente che non sei disponibile e chiedi loro di riprogrammare per quando lo sei.

5. Elenca le 5 principali priorità nella tua vita, personalmente e professionalmente

Prenditi un momento e pensa alle cinque cose più importanti per te in questo momento.

La prossima volta che ricevi una richiesta di lavoro, prenditi un momento prima di rispondere per verificarla rispetto alle tue priorità. Se si allinea, ottimo. In caso contrario, torna alla persona e vedi se è possibile elaborare un’altra soluzione.

Un sì a qualcosa è sempre un no a qualcos’altro.

6. Comunicare, comunicare, comunicare

Può essere più difficile comunicare in un mondo remoto, quindi questo passaggio è particolarmente importante. L’ultima cosa che vuoi è che i tuoi confini ti mettano nei guai.

Così spesso, non è che hai un confine che infastidisce il tuo collega, è che il tuo collega non sapeva dove eri o lo stato di un determinato compito o elemento.

Se ti disconnetti durante il giorno, fai sapere al tuo team per quanto tempo non sarai disponibile e quando dovresti tornare. Sia che tu abbia bisogno di uscire per schiarirti la testa o che si verifichi un’emergenza, inviare al tuo manager o team un messaggio rapido può alleviare le tensioni sul posto di lavoro o gli errori di comunicazione.

7. Avere un Buddy System

A seconda del settore, alcune persone potrebbero avere richieste urgenti che devono essere gestite. In questo caso, vedi se c’è un sistema di amici che può essere messo in atto.

Creare confini significa valutare quanto lavoro puoi gestire senza mettere a repentaglio la tua salute personale e mentale. Con un sistema di amici, ti incoraggerai e ti aiuterai a vicenda se i piatti di una persona sono troppo pieni.

Anche la comunicazione è fondamentale.

8. Dì di no

Perché dire di no è così difficile?

Perché è qui che tutte quelle paure e credenze potrebbero diventare vere – la parola chiave qui è “potrebbe”.

Un modo per lavorare su questa paura è esercitarsi a dire di no. Inizia con qualcosa di piccolo e gradualmente sali. Nel corso del tempo, diventerà più facile e presto avrai la reputazione di attenerti ai tuoi confini, una qualità che molti ammireranno di te.

Ricorda, quando dici di no a qualcuno o qualcosa, stai dicendo di sì a qualcos’altro, qualcosa probabilmente nella tua lista di priorità che riempirà la tua tazza.

9. Dare l’esempio

I confini sono ammirevoli e qualcosa che desideriamo nelle altre persone.

A volte si tratta di rispecchiare quei tratti e implementarli da soli. Avere una conversazione aperta con il capo o il leader del progetto sui diversi modi di stabilire i confini come team remoto.

Il più delle volte, i dipendenti hanno bisogno di esempi e sono inclini a seguire l’esempio del loro manager. Di conseguenza, creare confini sani insieme può portare a dipendenti più coinvolti e felici.

10. Delegato

Oltre a dire di no, delegare compiti ad altri membri del team è un’altra sfida che le persone possono avere, specialmente quando lavorano da remoto.

Ho capito. Tutti hanno molto nei loro piatti e lavorare da casa rende più difficile capire il carico di lavoro di tutti.

Una sensazione che può sorgere quando si delegano compiti può includere sentirsi in colpa per aver potenzialmente aggiunto al piatto di qualcun altro. Scegli alcuni elementi da delegare al tuo team, soprattutto se funziona meglio per il funzionamento.

Inoltre, non decidere cosa un membro del team può o non può gestire. Questo dipende da loro e dalla loro capacità di attenersi ai loro confini e comunicare diversamente.

11. Chiedi aiuto

Seguendo i consigli di cui sopra, se trovi il tuo carico di lavoro troppo pesante da gestire o che tutti i tuoi risultati finali sono dovuti contemporaneamente, chiedi aiuto. A volte, mentre lavoriamo da remoto, tendiamo ad assumere più di quanto siamo in grado di gestire.

Il tuo manager e il team di leadership sono pagati un sacco di soldi per un motivo: aiutare i loro dipendenti a risolvere i problemi. Incontrali a metà strada monitorando le tue attività e vedendo quanto tempo può richiedere una singola attività o progetto.

I manager possono quindi dare una migliore priorità al carico di lavoro, regolare le scadenze o togliere alcuni elementi dal piatto.

12. Disattiva il lavoro alla fine della giornata

Lavorare da remoto ha reso difficile disattivare il lavoro alla fine della giornata.

Parte della creazione di confini include dire “sì” a te. Chiudi e metti via il computer. Disattiva le notifiche di lavoro sul telefono.

Immagina di collegare il telefono per caricarlo, ma scollegalo ogni cinque minuti; la batteria non si caricherà completamente. Le nostre menti e i nostri corpi funzionano allo stesso modo. Abbiamo bisogno di disconnetterci dal lavoro per ri-energizzare e anche goderci il mondo esterno.

13. Valuta e modifica

Proprio come i nuovi prodotti passano attraverso numerose iterazioni, così possono fare le nostre strategie e piani.

Prova alcuni limiti per vedere cosa funziona. Modifica quelli che non ti sembrano giusti e poi prova di nuovo.

L’ultima cosa che il lavoro da remoto dovrebbe innescare è l’ansia o il burnout. Trova un sistema che funzioni per te e chiedi ai tuoi colleghi come gestiscono i loro confini di lavoro.

Considerazioni finali

Stabilire dei limiti sul lavoro è difficile, specialmente in un mondo remoto quando sentiamo che dovremmo essere più facilmente disponibili. Ma è anche essenziale prendersi cura del nostro benessere.

La chiave è impostare e attenersi ai confini che ti avvantaggiano e identificare eventuali ostacoli lungo il percorso. Non dimenticare di comunicare il tuo lavoro e le tue esigenze personali e di modificarle man mano che procedi.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

7 modi per far fronte alla nuova ansia da lavoro

Perché un’area di lavoro remota ti preparerà per il successo professionale