in

Qual è la differenza tra router, hub e switch?

Sei confuso sulle differenze tra un hub, uno switch e un router? Non preoccuparti. La risposta è in realtà abbastanza semplice. In questo articolo, lo analizziamo per te.

A volte la tecnologia può sembrare, beh, tecnica. Ci sono così tanti termini, acronimi e tipi di hardware, che può essere un po ‘travolgente. Questo non è aiutato da giornalisti e programmi televisivi che abusano o si scambiano casualmente la terminologia.

Con termini come hub, switch e router usati a casaccio, può essere difficile sapere cosa significa cosa significa più. Quindi qual è la differenza tra ciascuno? E a cosa servono?

Nella loro forma più elementare, tutti e tre sono esempi di dispositivi di rete. Per quanto riguarda le differenze e le ragioni per cui ognuna esiste, dovremo immergerci un po ‘più a fondo.

1. Hub

Un hub collega più computer insieme in una rete locale (LAN). Tutte le informazioni inviate all’hub vengono quindi inviate attraverso ciascuna porta a ciascun dispositivo della rete.

Gli hub non possono distinguere un computer da un altro, quindi ricevono informazioni su una porta e quindi le inoltrano ciecamente a tutte le altre porte, indipendentemente dal fatto che fossero destinate a tali computer o meno. Quindi, anche se potresti voler inviare informazioni solo a un altro computer, se hai cinque computer totali sulla tua rete, ci saranno altri quattro computer che ricevono dati che non erano destinati a loro.

A cosa serve un hub?

Nella maggior parte dei casi domestici, niente. Poiché tutte le informazioni vengono copiate su ogni dispositivo, non solo questo è un incubo per la sicurezza, ma anche un maiale della larghezza di banda.

Immagina se avessi bisogno di stampare un documento per il tuo capo, ma invece hai stampato una copia del documento per ogni singolo dipendente utilizzando l’unica stampante da ufficio. Questo è lo scenario con cui hai a che fare qui.

Sebbene possa essere visto come un incubo per la sicurezza, se vuoi tenere d’occhio il traffico di rete per vedere se qualcuno sta trascorrendo l’intera giornata alla ricerca di video di gatti su YouTube piuttosto che lavorare, allora gli hub sono un’opzione abbastanza buona.

Poiché gli switch hanno effettivamente sostituito gli hub, gli hub “semplici” sono pochi e lontani tra questi giorni. Tuttavia, se ne vuoi davvero uno, il D-Link DE-805TP è un buon punto di partenza.

Qualcosa da tenere a mente quando si acquistano hub è che hub e switch sono spesso etichettati in modo errato. Se non sei sicuro che il dispositivo che stai controllando sia un hub, dai un’occhiata a Wireshark’s Hub Reference.

2. Cambia

Uno switch collega più computer insieme in una LAN. Dopo il primo trasferimento di dati, crea una “tabella switch” che abbina le porte ai dispositivi collegati in base ai loro indirizzi MAC.

A differenza degli hub, gli switch possono distinguere tra i computer quando i dati passano per la prima volta attraverso lo switch, sembra vedere quali indirizzi MAC sono collegati a quali porte e ricorda il layout.

A cosa serve uno switch?

Creazione di una LAN. Gli hub erano consigliati per questo perché erano più economici degli switch, ma gli switch sono di gran lunga superiori in quanto riducono al minimo il traffico su una rete, riducono l’utilizzo della larghezza di banda e inviano dati solo ai computer previsti.

Ad esempio, il computer A desidera inviare dati al computer C. Lo switch vedrebbe che il computer A è sulla porta 1 mentre il computer C è sulla porta 4. Lo switch può quindi inviare i dati direttamente tra di loro, con i dati che arrivano alla porta 1 e lasciano lo switch alla porta 4. Questo processo riduce enormemente l’utilizzo della larghezza di banda rispetto a un hub.

I grandi switch sono relativamente economici in questi giorni e possono essere trovati dalla maggior parte dei produttori di reti. Netgear GS105NA è uno switch a cinque porte che è possibile utilizzare per creare una LAN o può essere collegato a una delle porte Ethernet del router per aumentare il numero di porte cablate sulla rete.

Al momento dell’acquisto di uno switch, ci sono varietà gestite e non gestite. Gli switch non gestiti sono i più comuni, consentendo di collegarsi e utilizzarli immediatamente senza alcuna configurazione. Gli switch gestiti consentono di configurare la rete e dare priorità al traffico, ad esempio Skype per garantire un’ottima qualità delle chiamate.

Se non sei sicuro di aver bisogno di un interruttore sulla tua rete, consulta la nostra guida a tutto ciò che devi sapere sulla rete domestica.

3. Router

Un router è un dispositivo che invia pacchetti di dati tra reti diverse.

Un pacchetto è un dato che contiene l’indirizzo della destinazione. I router utilizzano questo indirizzo di destinazione per inviare il pacchetto tra i router fino a quando non raggiunge la destinazione. Questo è il modo in cui la tua LAN si connette a Internet più ampio. Quindi, quando inserisci un termine di ricerca su Google, il tuo router indirizza questo pacchetto ai server di Google per l’elaborazione.

Prendi la posta come esempio. Se vuoi inviare una lettera a uno dei tuoi coinquilini, potresti semplicemente indirizzarla con “Stanza A”. Ma cosa succede se vuoi inviare una lettera al tuo migliore amico che vive nella “Stanza A” di un’altra casa? Avresti bisogno di maggiori informazioni per differenziare.

Quindi aggiungi un codice postale. Ma vivono in uno stato diverso, a cui non puoi facilmente arrivare. Quindi lo consegni al tuo corriere postale amichevole e, utilizzando l’indirizzo e il codice postale, il corriere postale si assicurerà che finisca nella destinazione corretta, anche se ciò significa passare la lettera a un corriere postale locale.

A cosa serve un router?

L’invio di pacchetti tra due reti diverse è tecnicamente l’unico lavoro di un router. Tuttavia, i router moderni in realtà includono molto di più:

  • Switch a 4-8 porte per la LAN che consente la condivisione locale di servizi come le stampanti.
  • NAT (Network Address Translator) viene utilizzato per assegnare un set di indirizzi IP all’interno della LAN e uno impostato all’esterno della LAN all’ISP o a una WAN (Wide Area Network).
  • Dhcp (Dynamic Host Configuration Protocol) assegna gli indirizzi IP a ciascun dispositivo connesso alla LAN.
  • Firewall per proteggere la LAN.
  • La porta WAN connette il router a un modem che fornisce servizi a banda larga dal provider di servizi Internet (ISP).
  • La trasmissione wireless (Wi-Fi) consente di collegare dispositivi senza cavi.

Il TP-Link Archer AX21 è uno dei router migliori e più votati in circolazione. Ha alcune delle migliori prestazioni di rete e wireless di tutti i suoi pari, pur essendo un ottimo rapporto qualità-prezzo. Ancora più importante, supporta gli ultimi standard Wi-Fi e non ti vedrà seriamente di tasca tua.

Prima di acquistare qualsiasi router, assicurati che sia compatibile con il tuo ISP e adatto alle tue esigenze.

Hub vs switch vs router: qual è la differenza?

  • Hub e switch collegano i computer per creare una LAN.
  • Gli switch, a differenza degli hub, sanno a quale dispositivo sono destinate le informazioni e le inviano lì.
  • I router, d’altra parte, possono inviare pacchetti tra LAN assegnando anche indirizzi IP, fungendo da switch e proteggendo la LAN.

È facile sentirsi sopraffatti quando si capisce l’hardware di rete. Ma una volta che sai cosa stai cercando, troverai molto più facile fare l’acquisto giusto.

Speriamo che ti piacciano gli articoli che consigliamo e discutiamo! MUO ha partnership affiliate e sponsorizzate, quindi riceviamo una quota delle entrate da alcuni dei tuoi acquisti. Ciò non influirà sul prezzo che paghi e ci aiuta a offrire i migliori consigli sui prodotti.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Qual è la legge di Moore ed è ancora rilevante nel 2022?

Come creare un’agenda di riunioni efficiente in Google Calendar