in

Perché l’UE ha rifiutato un divieto di mining di Bitcoin e cosa significa per Crypto?

Con l’estrazione proof-of-work nel mirino, l’Unione europea ha votato contro il divieto del processo. Ma cosa significa questo per altri crypto mining?

Bitcoin, la criptovaluta più conosciuta, è stata messa sotto accusa numerose volte da molti governi nazionali e dalle loro agenzie sin dalla sua creazione nel 2008. Molti hanno chiesto divieti sull’uso di Bitcoin e altre criptovalute, mentre altri si sono mossi per formulare misure normative e classifiche intorno alle criptovalute, al loro uso e promozione. Alcuni paesi hanno anche citato gli effetti che il mining di Bitcoin può avere sull’ambiente.

Alcuni stati membri dell’Unione Europea hanno sollevato preoccupazioni in merito al mining di Bitcoin in particolare, in una mossa per vietare completamente l’estrazione di criptovalute POW in tutta Europa. Questa mossa è ciò che esploreremo oggi.

Cos’è MiCA?

In piedi per i mercati delle cripto-attività, la legislazione MiCA è stata concordata dai paesi vicini e introdotta nella legislazione dall’UE il 24 settembre 2020. Gli emendamenti alla legislazione, come tutti gli altri, devono essere votati dal Parlamento europeo.

Nel novembre 2021, una presentazione è stata pubblicata dai membri dell’Autorità federale di vigilanza finanziaria e dell’Agenzia svizzera per la protezione dell’ambiente, chiedendo un divieto a livello dell’UE sul mining Proof-Of-Work per le criptovalute. L’articolo pubblicato da FI, presentato come emendamento alla legislazione MiCA dell’UE, menzionava specificamente Bitcoin ed Ethereum, ma indicava anche altre criptovalute che utilizzavano lo stesso metodo. Può anche essere interessante notare che il mining di Bitcoin non è mai stato incluso o addirittura menzionato nella legislazione originale.

Gli effetti dell’estrazione di prigionieri di guerra

I bitcoin vengono creati utilizzando un processo per risolvere equazioni crittografiche, noto come mining, utilizzando un algoritmo chiamato Proof-Of-Work (POW). Ci sono molte altre criptovalute, tra cui il popolare Ethereum, che impiegano un algoritmo Proof-Of-Work per proteggere ed elaborare le transazioni delle loro reti.

Nessuno sosterrà che l’estrazione di pow è un compito ad alta intensità energetica, specialmente se eseguito da milioni di macchine minerarie specializzate ad alta potenza in tutto il mondo. Questi dispositivi specializzati sono chiamati minatori ASIC. Chiunque abbia un computer o un minatore ASIC può estrarre Bitcoin, ma ci vuole molta energia per farlo. L’importo esatto viene costantemente ricercato e monitorato da un certo numero di istituzioni in tutto il mondo. Tuttavia, poiché il mining di criptovalute è ancora molto nascente in termini di settore, è difficile dire esattamente quanto impatto avranno le cose nel tempo a venire.

Ethereum è pesantemente estratto utilizzando unità di elaborazione grafica per computer, è comune vedere più GPU “collegate a margherita” insieme per creare “piattaforme di mining” di criptovaluta. L’acquisizione di GPU NVIDIA da parte dei minatori di criptovalute ha attirato critiche da una folla mista nel corso degli anni, in particolare tra la comunità di gioco per PC con tutto, dall’essere la causa della carenza di parti di PC a NVIDIA stessa che tenta di arginare l’acquisto e l’uso delle loro GPU per il mining di criptovalute.

Negli ultimi anni la Fondazione Ethereum e la comunità di Ethereum hanno intrapreso una serie di passi in un viaggio per trasferire la loro blockchain a un algoritmo Proof-Of-Stake (POS), che è un’alternativa al mining POW.

Una preoccupazione sollevata dagli ambientalisti sull’uso del mining di Bitcoin è la questione del potere utilizzato dalle mining farm di Bitcoin. Ciò ha portato a molteplici studi di ricerca, FUD dei media, preoccupazioni politiche e persino proteste contro la sostenibilità dell’estrazione dei prigionieri di guerra. A sua volta, questo ha portato molti governi in tutto il mondo a esaminare, regolamentare e, in alcuni casi, vietare del tutto l’estrazione di prigionieri di guerra.

Sebbene gli effetti del pow mining siano discutibili, molte società crittografiche hanno già iniziato a guardare ad altre fonti più sostenibili di energia e raffinamento energetico. Sia le fattorie industriali che quelle minerarie più piccole hanno impiegato l’uso dell’energia solare tra gli altri mezzi, come il riutilizzo della produzione di calore dalle operazioni minerarie per fare cose come serre di calore per le aziende orticole locali, come riportato da PR Newswire.

Il voto

Il 7 marzo 2022 è stata presentata una bozza di proposta per affrontare l’estrazione dei prigionieri di guerra, poco prima della data della riunione della commissione per i problemi economici e monetari (ECON) del 14 marzo 2022.

La notizia della proposta si è diffusa rapidamente sui social, sui siti web dei media tradizionali e in tutta la comunità crittografica. Ne sono seguiti i soliti titoli cautelativi e FUD, con molti che si sono interrogati sugli effetti che un divieto di mining POW potrebbe avere su Bitcoin e sulla comunità crittografica. Quando è arrivata la data, le persone condividevano i link al Live Streaming del Parlamento europeo su Twitter, anche se non c’era uno streaming effettivo del voto stesso.

La conclusione del voto è stata pubblicata per la prima volta su Twitter, dal membro del Parlamento europeo Dr. Stefan Berger, che è stato prontamente raccolto e diffuso in tutta la comunità cripto. Il voto era in corso, e il disegno di legge era… respinto. Gli appassionati di criptovalute e gli investitori si sono rivolti a Twitter per celebrare la notizia, anche se molti importanti analisti e ricercatori di criptovalute continuano a discutere su ciò che accadrà dopo a seguito della conclusione dei voti.

È possibile trovare i risultati della commissione sul voto tramite l’annuncio ufficiale pubblicato sul sito web del Parlamento europeo.

Quali sono le prospettive per il proof-of-work mining?

Anche se questa è una chiara vittoria qui per la comunità cripto, il mining POW è stato aggiunto alla “Tassonomia per attività sostenibili entro il 2025 per ridurre l’impronta di carbonio” dell’UE, una mossa accolta con favore dai Bitcoiner di tutto il mondo.

Come accennato, l’industria mineraria bitcoin ha adottato molti passi nel corso degli anni per ridurre l’effetto che il mining di Bitcoin ha sull’ambiente, utilizzando altre forme di generazione di energia e fonti rinnovabili, il che ha portato a una notevole riduzione del consumo di energia utilizzato dagli operatori minerari industriali. Anche il costo ambientale associato alla produzione di ASIC viene ridotto poiché i nuovi chip vengono innovati e prodotti.

Ci sono molti studi, articoli e rapporti sull’impatto ambientale del mining di Bitcoin sul web, tuttavia, ci deve essere molta più ricerca e tempo prima che si possa dire qualcosa sulla riduzione di eventuali effetti negativi nel tempo.

Quindi, il mining di Bitcoin è dannoso per l’ambiente? È così brutto che l’estrazione di prigionieri di guerra dovrebbe essere vietata? Il riutilizzo finirà per risparmiare/generare più energia in futuro? L’industria delle criptovalute si sta muovendo rapidamente, con nuove innovazioni sviluppate regolarmente. Il tempo dirà se l’estrazione di prigionieri di guerra dovrebbe essere vietata.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Ecco come il tuo ISP può vedere quali file stai torrenting

La Tesla Model 2 sta arrivando – Ecco cosa aspettarsi