in

LAVORARE IN ITALIA

Scopri le opportunità di lavoro per i laureati del Regno Unito in Italia, insieme a informazioni utili su cosa vuol dire vivere e lavorare lì.

Questo articolo è stato aggiornato l’ultima volta prima della pandemia di Covid-19 e della fine del periodo di transizione della Brexit nel dicembre 2020. Pertanto non riflette le restrizioni ai viaggi e le modifiche alle linee guida causate dalla pandemia o dall’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. Se desideri saperne di più, i consigli di viaggio all’estero su GOV.UK includono informazioni specifiche per ogni paese.

La tua ricerca della dolce vita in Italia potrebbe non essere semplice. La disoccupazione è relativamente alta rispetto ad altri paesi dell’UE, sebbene sia in calo negli ultimi anni. Tuttavia, la necessità di lavoratori qualificati in settori come il digitale, la tecnologia, la chimica e l’ingegneria potrebbe giocare a tuo favore. Il livello di burocrazia in Italia può sembrare eccessivo e probabilmente dovrai fare dei salti mortali durante le prime settimane o mesi.

Tuttavia, una volta superate le barriere, una vita in Italia potrebbe offrirti giorni feriali punteggiati da caffè perfetti o deliziosi gelati, e fine settimana immersi nella ricca cultura e storia che si trovano in tante delle sue bellissime città.

Dove potresti lavorare in Italia?

I datori di lavoro nei settori manifatturiero, finanziario e imprenditoriale sono concentrati in organizzazioni di piccole e medie dimensioni nel nord Italia. Le possibilità di lavorare in agricoltura, invece, sono concentrate nelle regioni meridionali.

Principali industrie: agricoltura, industria automobilistica, settore dei servizi, acciaio, tessile, turismo.

Principali datori di lavoro

Potresti candidarti per lavorare per uno di questi importanti datori di lavoro italiani:

  • Enel (organizzazione specializzata nella generazione, distribuzione e vendita di energia elettrica e gas, oltre che nella fornitura di servizi di trasporto e stoccaggio di energia elettrica)
  • Eni (una compagnia petrolifera e del gas che esplora, produce, raffina e vende petrolio, gas, elettricità e prodotti chimici)
  • Intesa Sanpaolo (società di servizi bancari e finanziari)
  • Lamborghini (una casa automobilistica di lusso, con sede vicino a Bologna)
  • Poste Italiane (società che offre servizi di affrancatura, finanza e assicurazioni).

Competenze richieste

Le industrie e i settori in cui vi è richiesta di lavoratori qualificati includono:

  • chimica
  • digitale e tecnologia
  • ingegneria
  • cibo
  • tessuti.

Requisiti linguistici

Anche se troverai un livello ragionevole di conoscenza della lingua inglese nelle città del nord che attirano molti turisti (come Milano e Firenze), questo non è il caso in tutta Italia. Pertanto, essere in grado di comunicare in modo efficace in italiano sarà un enorme vantaggio quando si cerca lavoro, in particolare se ci si candida per posti di lavoro universitari.

Se ottieni un lavoro con un datore di lavoro di lingua inglese e non hai bisogno di essere un buon madrelingua italiano per lavoro, troverai comunque più facile vivere e viaggiare in tutto il paese con almeno una conoscenza di base della lingua.

Le qualifiche del Regno Unito sono riconosciute?

L’Italia fa parte del Processo di Bologna ed è membro dell’area europea dell’istruzione superiore, quindi è in atto un meccanismo per riconoscere il valore delle qualifiche del Regno Unito. Il sistema per il riconoscimento dei diplomi britannici in Italia e in altri paesi dell’UE sarà rivisto mentre il Regno Unito è nel periodo di transizione successivo al suo ritiro dall’UE. Per gli aggiornamenti, controllare le informazioni e le notizie sul periodo di transizione, che si concluderà il 31 dicembre 2020, sulla GOV.UK .


Com’è lavorare in Italia?

Orario di lavoro: la giornata lavorativa media di un dipendente in Italia dura 8 ore. Il lavoro straordinario è considerato una pratica normale in molti luoghi di lavoro. Legalmente, l’orario di lavoro giornaliero medio (compresi gli straordinari) non dovrebbe essere superiore a 48 ore.

Vacanze: i dipendenti hanno diritto ad almeno quattro settimane di ferie retribuite.

Imposta sul reddito: l’ imposta sul reddito varia dal 23% al 43% ed è più alta per chi guadagna di più. I lavoratori lo pagano se hanno vissuto in Italia per più di 193 giorni consecutivi per un periodo di 12 mesi. Ci sono anche tasse regionali fino al 3,33% e tasse comunali dallo 0,01% allo 0,9%, stabilite da ciascuna regione e comune.

Ricordati di controllare la tua posizione fiscale e assicurativa nazionale nel Regno Unito con HM Revenue & Customs (HMRC), per assicurarti di non perdere alcun diritto alla pensione nel Regno Unito.

Dove trovare lavoro

Dai un’occhiata alla pagina delle offerte di lavoro internazionali di TARGETjobs .

Potresti riuscire a trovare lavoro in Italia tramite EURES , un’agenzia dell’UE che gestisce un database di posti di lavoro a sostegno della libera circolazione dei lavoratori. I cittadini britannici possono continuare a utilizzare i servizi EURES fino alla fine del periodo di transizione, il 31 dicembre 2020. Potresti anche trovare lavoro tramite l’ EPSO , che seleziona il personale per lavorare nelle istituzioni e nelle agenzie dell’UE.

Puoi trovare lavoro anche in Italia attraverso questi siti web:

  • Clicca Lavoro
  • InfoJobs
  • Il locale
  • Lavorare.net
  • TrovoLavoro.It

Se lavorare a Milano, Napoli o Roma ti sembra interessante, dai un’occhiata ai seguenti siti web:

  • Lavoro a Milano
  • Lavori a Napoli
  • Lavoro a Roma .

Esperienze lavorative, stage e volontariato

L’Italia è coinvolta in Erasmus +, il programma dell’UE per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport per il periodo 2014-2020, che copre gli scambi di studenti, le esperienze lavorative e le opportunità di volontariato e consente a studenti universitari e post-laurea di studiare all’estero per 3-12 mesi.

Il governo del Regno Unito ha accettato di continuare a finanziare Erasmus almeno per l’anno accademico 2019-2020, ma controlla regolarmente gli aggiornamenti sul sito web di Erasmus + .

Le grandi aziende come quelle menzionate nella sezione dei principali datori di lavoro sopra possono offrire stage allo stesso modo del Regno Unito e queste opportunità saranno elencate sui loro siti web.

Altre organizzazioni che offrono stage in Italia includono le seguenti:

  • AIESEC , un programma internazionale di esperienze lavorative, offre stage della durata di 6-18 mesi, oltre a opportunità di volontariato.
  • IVS , il Servizio Volontario Internazionale, fornisce progetti di volontariato a lungo e breve termine.

Insegnamento dell’inglese come lingua straniera in Italia

Potresti diventare un assistente di lingua inglese in Italia tramite il British Council . La maggior parte di queste opportunità sono nelle scuole secondarie statali, anche se alcune sono nelle scuole primarie. Per qualificarti, dovrai possedere o studiare per una laurea, avere un passaporto britannico e avere un italiano di livello B1 (approssimativamente equivalente allo standard di livello A). Vale la pena tenere presente che ogni anno sono disponibili 60 posti presso il British Council e gli studenti universitari che studiano italiano con un anno obbligatorio all’estero hanno la priorità, quindi potresti dover affrontare una forte concorrenza.

Se la tua conoscenza della lingua italiana non è particolarmente forte, potresti trovare più facile assicurarti un lavoro presso un istituto di lingua privato o una scuola internazionale. Tuttavia, anche in queste istituzioni, in genere ci si aspetta che tu conosca l’italiano in una certa misura. Molti richiedono una certificazione per l’insegnamento dell’inglese come lingua straniera (TEFL) o per l’insegnamento dell’inglese agli oratori di altre lingue (TESOL), nonché una laurea in qualsiasi materia. La descrizione del lavoro del nostro insegnante TEFL / TESL fornisce maggiori informazioni su ciò che è coinvolto nel lavoro in quest’area.

Una terza opzione è cercare opportunità più informali per insegnare l’inglese in Italia. Potresti, ad esempio, diventare una ragazza alla pari (qualcuno che vive con una famiglia ospitante e li aiuta con la cura dei bambini e compiti domestici leggeri, in cambio di un alloggio gratuito e una piccola somma di denaro) per una famiglia che cerca qualcuno che possa insegnare i loro figli l’inglese.

Suggerimenti per la ricerca di lavoro e CV

La struttura e il contenuto del tuo CV non dovrebbero essere molto diversi da quelli di un lavoro nel Regno Unito. Di seguito sono riportate alcune modifiche che potresti prendere in considerazione, ma – per la maggior parte – seguire i nostri suggerimenti generali sul CV ti aiuterà a impressionare i reclutatori italiani.

  • Aggiungi una nota sui tuoi dati personali . Secondo la legislazione italiana, le aziende possono utilizzare i tuoi dati personali e i potenziali dipendenti di solito devono esprimere il proprio consenso. È una buona idea menzionare la legge (675/96) alla fine del tuo CV e affermare che sei disposto a utilizzare le tue informazioni in conformità.
  • Mantieni breve la sezione degli hobby . I reclutatori italiani daranno spesso la priorità alle tue qualifiche rispetto ai tuoi hobby. Quindi, se scrivi su di loro, scegli le attività rilevanti per la posizione e mantieni la descrizione breve.
  • Evidenzia chiaramente le tue abilità di lingua italiana . Conoscere l’italiano probabilmente migliorerà la tua occupabilità, quindi assicurati che un reclutatore possa vederlo, insieme a qualsiasi qualifica di supporto.

Usare la rete per progredire

Tradizionalmente, la fiducia costruita attraverso le relazioni personali è importante nella cultura aziendale italiana, quindi avere legami personali nel tuo settore può essere utile. Una volta che ti sei assicurato e hai iniziato il tuo inserimento lavorativo o di esperienza lavorativa, sfrutta al massimo le opportunità sul posto di lavoro e durante il networking o gli eventi sociali per parlare con gli altri nel settore. Dai un’occhiata ai nostri articoli di consulenza sul networking .

Serve un visto per lavorare in Italia?

I cittadini britannici attualmente non hanno bisogno di un visto per lavorare in Italia. Eventuali aggiornamenti su come questo cambierà nel 2021 si possono trovare sul sito web GOV.UK .

Per rimanere nel paese per più di tre mesi, dovrai registrarti come residente italiano presso il tuo municipio o comune locale. Se ti assicuri la residenza in Italia prima della fine del periodo di transizione dell’UE (31 dicembre 2020), potrai rimanere nel paese dopo tale data.

Vivere in Italia

Costo della vita: il costo della vita in Italia è relativamente alto se confrontato con quello di altri paesi dell’UE. Il cibo e i costi associati al possesso di un’auto possono essere particolarmente costosi, ma il sistema di trasporto pubblico è tra i più economici dell’UE. Le grandi città e le regioni del nord sono più care, mentre vivere nelle città più piccole del sud è più conveniente.

Valuta: Euro

Assistenza sanitaria: i cittadini britannici in Italia possono accedere all’assistenza sanitaria in Italia alla pari dei residenti italiani fino alla fine del periodo di transizione. Consulta la guida su GOV.UK per ulteriori informazioni su ciò di cui hai bisogno per accedervi.

L’assistenza sanitaria pubblica in Italia è gratuita per la maggior parte dei residenti. Non sono previsti costi per cure ospedaliere, cure primarie o visite mediche. È richiesto un piccolo co-pagamento per alcuni servizi e trattamenti (come medicinali soggetti a prescrizione e procedure diagnostiche), ma si basa su quanto guadagni e quindi non dovrebbe rendere difficile l’accesso all’assistenza sanitaria di cui hai bisogno.

Leggi e consuetudini di cui essere a conoscenza: a causa dell’alto livello di burocrazia in Italia, potresti incontrare difficoltà nell’ottenere la registrazione della residenza, dei visti o dei permessi di lavoro ed essere tenuto a fornire molti documenti.

Secondo la legge italiana, devi essere in grado di mostrare un documento d’identità in ogni momento. Sebbene in genere sia sufficiente una fotocopia della pagina dati del passaporto, è consigliabile portare con sé anche un secondo documento di identità con foto. Se vieni fermato dalla polizia mentre guidi, probabilmente ti verrà chiesto di mostrare il tuo passaporto completo.

I biglietti per il trasporto pubblico devono essere vistati in una biglietteria automatica prima dell’inizio del viaggio, al fine di evitare di essere multati.

È illegale portare sabbia, conchiglie o ciottoli dalle spiagge italiane. Allo stesso modo, non è consentito raccogliere fiori, piante ed erbe dalle montagne o da aree boschive.

Sedersi sui gradini dei monumenti o mangiare e bere accanto alle principali chiese, monumenti storici ed edifici pubblici è illegale in alcune regioni. Inoltre, è vietato entrare o fare il bagno nelle fontane pubbliche.

Religione principale: cristianesimo (cattolicesimo romano)

Tipo di governo: repubblica parlamentare

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

LAVORARE IN GERMANIA

LAVORARE IN GIAPPONE