in

Laptop collegato ma non in carica? 8 suggerimenti per risolvere il tuo problema

Se il tuo laptop è collegato ma non si ricarica, ecco cosa puoi fare per ricaricare la batteria.

È facile innervosirsi quando il laptop è collegato ma non in carica, poiché ovviamente non è possibile utilizzare il computer una volta che la batteria si esaurisce. Ma in molti casi, puoi capire perché il tuo laptop dice “collegato, non in carica” e correggerlo.

Ti mostreremo cosa fare quando la batteria del tuo laptop non si carica mentre è collegata. Che tu abbia una macchina Dell, Lenovo, HP o un’altra macchina, questi suggerimenti ti aiuteranno. Ci concentriamo su Windows qui, ma la maggior parte dei suggerimenti si applica ampiamente anche ai laptop che eseguono macOS o Linux.

1. Controllare tutte le connessioni fisiche dei cavi

Prima di iniziare a risolvere i problemi approfonditi per questo problema di ricarica, controlla prima le basi. Assicurati di aver inserito saldamente il cavo di ricarica nella porta di ricarica del laptop.

Quindi ricontrolla la sua connessione alla presa a muro: considera di provare un’altra presa nel caso in cui quella corrente non funzioni. Se sei collegato a una ciabatta, prova a collegarti direttamente alla presa a muro.

Non dimenticare di rivedere anche la connessione in cui il cavo si collega al mattone dell’adattatore CA. Questo avrebbe potuto allentarsi se qualcuno ci fosse inciampato sopra, o dall’essere allungato nel tempo.

Infine, assicurati di non avere un problema separato, ad esempio una percentuale di batteria errata in Windows 10.

2. Rimuovere la batteria e collegarsi all’alimentazione

Successivamente, è necessario determinare se la batteria del laptop funziona o meno. Se il laptop dispone di una batteria rimovibile, rimuoverla completamente dalla macchina. Di solito, puoi farlo tirando alcune schede sul lato inferiore della tua macchina. Se non sei sicuro del processo, consulta il manuale o le istruzioni di Google per il tuo modello specifico.

Dovresti sempre spegnere il computer prima di rimuovere la batteria, se non è già scarica. Scollega anche il caricabatterie e tutti gli accessori collegati.

Una volta rimossa la batteria, tenere premuto il pulsante di accensione per diversi istanti per cancellare l’eventuale carica residua nel sistema. Al termine, collega il caricabatterie e prova ad accendere il laptop.

Se funziona correttamente senza la batteria, il problema di ricarica del laptop risiede nella batteria. Assicurarsi che il vano batteria sia pulito; pulire qualsiasi materiale estraneo all’interno con un panno privo di lanugine, se necessario. Quindi riposizionare la batteria nel suo scomparto e assicurarsi che tutti i contatti siano allineati. Se questo non risolve il problema, molto probabilmente hai una batteria scarica che dovrai sostituire.

Nel caso in cui il tuo laptop non abbia una batteria rimovibile, puoi provare ad aprire la macchina e rimuoverla da solo. Tuttavia, ciò probabilmente annullerà la garanzia e potrai causare gravi danni al tuo computer se commetti un errore. In questi casi, è più sicuro portare il computer da un tecnico che può analizzare la batteria utilizzando strumenti professionali. Quindi saranno in grado di consigliare una sostituzione o altre soluzioni.

3. Assicurati di utilizzare il caricabatterie e la porta giusti

Andando avanti, dovresti quindi controllare che la potenza (e abbastanza di essa) stia arrivando al tuo laptop.

Assicurati di avere il caricabatterie collegato alla porta giusta del tuo laptop. Molti laptop hanno solo un punto per la spina di ricarica, ma se si dispone di un computer più recente, potrebbe utilizzare USB-C per caricare.

In questo caso, prova tutte le porte USB-C sul tuo laptop, poiché alcune potrebbero essere solo per il trasferimento dei dati. Alcuni computer avranno una piccola icona di alimentazione accanto alla porta pensata per la ricarica.

Per ottenere i migliori risultati, è necessario utilizzare il caricabatterie originale fornito con il laptop. I caricabatterie falsi possono danneggiare la batteria e causare danni duraturi. I modelli di terze parti potrebbero non utilizzare la giusta potenza, il che può comportare una ricarica estremamente lenta o per niente del laptop. Ciò è particolarmente vero con i cavi USB-C, in quanto alcuni non sono pensati per caricare dispositivi grandi come un laptop.

Se non si dispone del caricabatterie giusto per la macchina, vedere la sezione #8 di seguito per consigli su come ottenerne uno nuovo.

Considera anche la fonte di alimentazione a cui è collegato il computer. Se il laptop è collegato a una batteria o a una presa a bassa potenza su un aereo o simile, potrebbe non estrarre energia sufficiente per caricare la batteria. In questi casi, potresti essere in grado di mantenere stabile il livello della batteria con la fonte di alimentazione debole, ma non aumenterai la carica.

4. Controlla il cavo e le porte per danni

Anche se in precedenza hai eseguito un controllo superficiale per i problemi di connessione del cavo, è una buona idea rivedere il cavo di alimentazione in modo più approfondito ora. Un cavo danneggiato può causare il problema “collegato, non in carica”.

Guarda verso il basso l’intera lunghezza del cavo di alimentazione del tuo laptop per sfilacciarsi o altri danni. Prova ad afferrarlo per vedere se alcune parti si sentono gonfie o altrimenti deformi. È anche una buona idea annusare la parte dell’adattatore CA del caricabatterie: se senti odore di bruciato, qualcosa è andato storto all’interno della scatola e dovrai sostituire il caricabatterie. Per la tua sicurezza, smetti immediatamente di usare qualsiasi caricabatterie che diventa eccessivamente caldo o ha un odore di bruciato.

Infine, dai un’occhiata alla porta per il caricabatterie sul tuo laptop. Dovresti avere una vestibilità abbastanza aderente quando colleghi il caricabatterie. Se ti sembra sciolto, prova a muoverlo un po ‘per vedere se riesci a ottenere una buona connessione.

Controlla anche i detriti all’interno della porta, che possono impedirti di stabilire una connessione solida. Accendere una torcia elettrica nella porta per verificare la presenza di sporco accumulato o altri detriti, che possono impedire alla spina di fare il suo lavoro.

Se c’è sporcizia all’interno, usa un batuffolo di cotone o uno stuzzicadenti per pulirlo accuratamente. Non essere aggressivo, in quanto potresti danneggiare gli interni della porta.

A proposito di questo, per evitare danni al cavo di ricarica e alla porta in futuro, dovresti sempre mantenere un po ‘di spazio libero nel cavo durante la ricarica. Ciò impedisce l’usura di stress inutili sulla porta di ricarica. Evita di lasciare che il mattone dell’adattatore CA penzoli da un tavolo mentre il tuo laptop è collegato, poiché ciò si abbasserà sul connettore e potrebbe rovinare la connessione nel tempo.

5. Riduci l’utilizzo delle risorse

C’è la possibilità che la batteria non si carichi anche quando è collegata non sia correlata all’hardware. Se il computer lavora molto duramente, il caricabatterie potrebbe non ricaricare la batteria abbastanza rapidamente.

Ad esempio, se il computer si sta surriscaldando, la ventola deve lavorare di più per raffreddarlo, il che richiederà più energia della batteria. Quando hai molti programmi e processi affamati di energia in esecuzione contemporaneamente, assorbiranno più energia della batteria a un ritmo elevato.

Su Windows, è possibile aprire task manager con Ctrl + Maiusc + Esc o cercandolo nel menu Start, per verificare l’utilizzo corrente delle risorse. Fare clic su Altri dettagli, se necessario, quindi nella scheda Processi è possibile visualizzare il numero di risorse in uso.

Se sospetti che questa sia la radice del tuo problema di ricarica, prova a chiudere alcuni programmi. In casi estremi, è necessario spegnere il PC per lasciarlo raffreddare. Una volta tornato alla normalità, accendi e verifica se il caricabatterie è in grado di tenere il passo con la batteria con un carico di lavoro normale.

Se il tuo computer fatica sempre a tenere il passo con il tuo tipico flusso di lavoro, dovresti prendere in considerazione l’aggiornamento a una macchina più potente quando possibile. Assicurati di non surriscaldare il tuo laptop bloccandone le prese d’aria.

6. Controlla le opzioni di risparmio energia di Windows e Manfuacturer

Altri problemi software possono anche causare la mancata carica della batteria del laptop, anche quando è collegato. Mentre le combinazioni per il risparmio di energia in Windows non contengono opzioni specifiche che impediscono la ricarica della batteria, gli strumenti di terze parti possono influire sulla carica del laptop.

Innanzitutto, visita la pagina delle impostazioni di alimentazione di Windows 10 andando su Impostazioni > Sistema > Alimentazione e sospensione e facendo clic su Impostazioni di alimentazione aggiuntive sul lato destro. Se non lo vedi, espandi la finestra Impostazioni orizzontalmente finché non viene visualizzata.

Nella finestra risultante, fai clic su Modifica impostazioni piano accanto al piano corrente. Se lo desideri, puoi fare clic su Modifica impostazioni avanzate risparmio energia, ma è più semplice selezionare Ripristina impostazioni predefinite per questo pianoVedi se questo fa la differenza.

Per ottenere maggiori approfondimenti, vedere come creare una combinazione per il risparmio di energia di Windows personalizzata per una maggiore durata della batteria. Se utilizzi Windows 11, troverai le opzioni precedenti in Impostazioni > Sistema > alimentazione.

Molti produttori di laptop includono un’opzione di soglia di carica della batteria che può influire sulla carica del dispositivo. Ad esempio, se si dispone di un laptop Lenovo, una particolare impostazione dell’app Lenovo può causare l’interruzione della carica della batteria. Utilizzare il menu Start per cercare Lenovo Vantage (denominato Impostazioni Lenovo sui sistemi meno recenti) per trovarlo.

Una volta aperta l’app, fai clic su Accendi nel pannello Impostazioni hardware, quindi scorri verso il basso per trovare Soglia di caricaSe il dispositivo di scorrimento Soglia di carica della batteria personalizzata è abilitato, è possibile selezionare una percentuale minima e massima della batteria per la ricarica.

Ad esempio, se hai scelto il 50% per Avvia ricarica quando è inferiore e l’80% per Avvia ricarica a, il computer inizierà a caricarsi quando scende al 50% e si fermerà quando è tornato all’80%. Mentre questo può preservare la salute della batteria, fa anche sì che il computer smetta di caricarsi come di solito ti aspetteresti.

Prova a disabilitare questa opzione se è abilitata o a impostare una soglia diversa.

7. Aggiorna o reinstalla i driver della batteria

Poiché la batteria è un dispositivo esterno, Windows utilizza determinati driver per interfacciarsi correttamente con esso. Se il computer è ancora collegato e non si ricarica dopo aver provato quanto sopra, l’aggiornamento o la rimozione di tali driver potrebbe avviare il processo di ricarica.

Fare clic con il pulsante destro del mouse sul pulsante Start o premere Win + X, quindi selezionare Gestione dispositivi dal menu risultante. Espandi la sezione Batterie e dovresti vedere due voci: Microsoft AC Adapter e Microsoft ACPI-Compliant Control Method Battery.

Fare clic con il pulsante destro del mouse su ciascuno di questi e scegliere Aggiorna driverÈ probabile che questo non trovi alcun aggiornamento, ma vale la pena provare. Puoi provare ad aggiornare i driver manualmente, ma il produttore del tuo computer probabilmente non ne fornisce uno specifico per la batteria.

Se l’aggiornamento non fa nulla, fai clic con il pulsante destro del mouse su ciascuno dei driver della batteria e scegli Disinstalla dispositivoCiò causerà l’interruzione dell’interfacciamento del computer con la batteria, ma il driver verrà reinstallato al riavvio, quindi non preoccuparti. Riavvia il computer dopo aver disinstallato ogni dispositivo con batteria.

Dopo il riavvio, lascia che Windows reinstalli il driver della batteria e, si spera, inizierà a caricarsi di nuovo. Se ciò non funziona, ripeti il processo, ma una volta spento dopo la disinstallazione, scollega il caricabatterie e rimuovi la batteria. Dopo aver fatto questo, rimetti tutto e riaccendi il PC.

8. Ottieni un altro caricabatterie per laptop

A questo punto, hai provato ogni soluzione per il problema “collegato, non in carica” che non costa denaro. Un’ultima soluzione è quella di ordinare un nuovo caricabatterie per computer (o usarne uno da un amico, se gli capita di avere un laptop che utilizza lo stesso caricabatterie) e vedere se funziona.

Mentre troverai caricabatterie di terze parti economici su Amazon e altri rivenditori, ti consigliamo di utilizzare un caricabatterie ufficiale se possibile. Le parti di terze parti spesso non sono all’altezza degli standard di qualità dei componenti originali e, nel caso di un caricabatterie, l’utilizzo di uno economico potrebbe danneggiare il computer o addirittura causare un incendio.

Nel caso in cui un caricabatterie originale non sia un’opzione, optare per una sostituzione del caricabatterie ben recensita da Amazon o simili. Controlla le recensioni per assicurarti che sia sicuro e fai attenzione alle recensioni false su prodotti casuali.

Quando acquisti un nuovo caricabatterie, assicurati sempre che sia valutato per la quantità di energia di cui il tuo laptop ha bisogno. Controlla le specifiche sul caricabatterie ufficiale o la documentazione del produttore per confermarlo.

Collegato e ora in carica

Si spera che uno o più dei passaggi precedenti abbiano risolto il problema con il laptop che non si caricava quando era collegato. Se il problema persiste, una parte all’interno del computer potrebbe essere danneggiata, causando il malfunzionamento della batteria. Dovresti portarlo in un’officina di riparazione di computer per chiedere a un esperto di dargli un’occhiata: potrebbero consigliare una batteria sostitutiva.

Tieni presente che le batterie si consumano con l’età. Dopo un certo numero di cicli, nessuna batteria manterrà la stessa carica di una volta. Ma a meno che la batteria non sia completamente sparata, dovrebbe caricarsi almeno un po ‘. È possibile tenere d’occhio lo stato della batteria, in modo da sapere quando si avvicina il momento di una sostituzione.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

7 modi per prolungare la vita del tuo smartphone

Come usare le app di messaggistica di Workplace in modo più efficace