in

Cos’è l’identità digitale nel futuro del Web?

Trascorriamo già molto tempo online, ma come appariranno e cambieranno le nostre identità online nel Web 3.0 e oltre?

Mentre passiamo sempre più tempo sul (e in) web, le persone si pongono alcune domande serie sull'”identità virtuale”. Ma cosa significa, cosa fa e come funziona? Quali organizzazioni stanno cercando di fornirlo?

Scopriamolo insieme.

Cos’è Virtual Identity?

L’identità virtuale può essere vista da due angolazioni. Parte dell’identità virtuale è una questione filosofica e sociale che ha a che fare con il modo in cui scegliamo di rappresentarci online.

Un altro aspetto è una questione tecnologica relativa al software e ai sistemi che ci consentono di navigare sul Web mentre trasportiamo determinate informazioni e risorse.

Il lato sociale dell’identità digitale

Dal punto di vista sociale, l’identità digitale è il modo in cui ci rappresentiamo online. Alcuni aspetti dell’identità virtuale sono già familiari e lo sono stati per un bel po ‘. Cose come le immagini del profilo sui social media sono un esempio di base di identità digitale.

Altri elementi delle nostre identità digitali sociali si sono sviluppati per un tempo più breve e solo ora stanno diventando elementi importanti e pratici delle nostre “vite reali”. Un esempio di questo potrebbe essere avatar in ambienti immersivi.

Gli ambienti virtuali sono comunemente utilizzati per il gioco e la socializzazione, ma sono anche sempre più utilizzati per la collaborazione e il networking remoto aziendale e professionale o educativo. Di conseguenza, ci sono molte opportunità per gli individui di esplorare l’identità rappresentandosi in modo diverso in diversi ambienti virtuali.

Possiamo scegliere di assomigliare a noi stessi in ambienti virtuali professionali, ma possiamo scegliere di avere rappresentazioni più fantastiche in ambienti virtuali casuali. Mentre questo può comportare più identità digitali diverse per ogni persona, queste identità saranno necessariamente legate alla nostra unica identità umana. È qui che entra in gioco l’idea tecnica di identità virtuale.

Il lato tecnico dell’identità digitale

Da un punto di vista tecnico, l’identità digitale si riferisce alla capacità di portare con noi identificazione, strumenti di pagamento e fondi e altre risorse virtuali da un’esperienza online all’altra. Come il lato sociale dell’identità digitale, molti elementi di questa identità digitale tecnologica sono già in atto.

Ad esempio, è abbastanza facile utilizzare siti di pagamento come PayPal su più siti Web mentre si è connessi con lo stesso browser. L’accesso a diverse esperienze online utilizzando un account consolidato per una piattaforma come Facebook, Google o Apple è anche un primo esempio di identità “portatile” online.

Tuttavia, ci sono una serie di ragioni per cui questi approcci consolidati all’identità digitale non funzioneranno nella prossima generazione del web, almeno non come funzionano attualmente. Per prima cosa, molte esperienze immersive sono le loro applicazioni, quindi non puoi semplicemente accedere con altri account salvati dal tuo browser.

Inoltre, le nuove tecnologie progettate nella tecnologia dell’informazione e nella tecnologia finanziaria vengono sempre più utilizzate in modi nuovi che non sono supportati dai sistemi di pagamento legacy. Ad esempio, le blockchain funzionano come strumento di pagamento ma anche come risorse fisiche sicure che funzionano su piattaforme online. Tuttavia, non sono supportati da applicazioni finanziarie consolidate.

Può sembrare che queste nuove tecnologie stiano complicando lo sviluppo tecnico dell’identità digitale. Sono. Tuttavia, la loro utilità come più di un semplice sistema di pagamento e più di un semplice profilo significa che hanno anche il potenziale per risolvere problemi al di là della portata di aziende come Google.

Chi fornisce l’identità digitale?

Le organizzazioni stanno cercando di lavorare con le opportunità e gli ostacoli posti dall’identità digitale nella prossima generazione di Internet. Questi possono essere approssimativamente suddivisi in società informatiche legacy e società tecnologiche emergenti. Ci sono anche alcuni esempi di tecnologie dell’informazione che combinano alcuni punti di forza di entrambi questi altri approcci.

1. Apple e Google

Come Meta, Apple consente agli utenti di accedere a una serie di siti utilizzando un account Apple. Poiché Apple ha un ecosistema hardware e software più completo di Facebook, questo può essere uno strumento più significativo. Ciò è particolarmente vero dal momento che Apple sta attivamente sviluppando infrastrutture di pagamento, come Apple Pay e Apple Wallet.

Molto dello stesso si può dire di Google. Mentre Google si è concentrato meno sull’infrastruttura hardware, ha una maggiore infrastruttura sociale attraverso strumenti come Gsuite. Quindi, una volta che un utente ha effettuato l’accesso a un sito utilizzando il proprio indirizzo Google, può spesso collegare contatti, calendari e altri servizi, creando un’esperienza online più comoda e più coesa.

2. Meta (Facebook)

Per un bel po ‘di tempo, gli utenti sono stati in grado di registrarsi e accedere a un numero crescente di siti e servizi online utilizzando un account Facebook. Ciò rende più conveniente iniziare a utilizzare nuovi servizi, ma, per la maggior parte, in realtà non rende più facile l’utilizzo di tali servizi.

Ciò è in gran parte dovuto al fatto che le informazioni gestite da Facebook non sono sempre le più pratiche. Ad esempio, l’accesso a una nuova piattaforma online con un account Facebook non semplifica il pagamento di beni e servizi. Questo avrebbe potuto essere diverso se il progetto di criptovaluta Libra / Diem fosse andato a buon fine, ma la moneta non si è mai materializzata.

3. Siti web e servizi emergenti

Abbiamo già discusso del fatto che molte soluzioni di identità digitale esistenti non sono all’altezza perché non collegano diverse applicazioni di piattaforma. Questo problema viene risolto da una combinazione di nuove tecnologie ed esperienze che ritornano a modelli basati sul Web piuttosto che su app.

Brave è un browser cripto-friendly con un portafoglio integrato. Brave può integrarsi con MetaMask. Tra gli altri servizi, MetaMask consente agli utenti di importare token non fungibili (NFT) in applicazioni online compatibili. Ciò include Ready Player Me, che consente agli utenti di creare un avatar virtuale che può essere utilizzato su centinaia di piattaforme online.

Liquid Avatar Technologies fornisce “servizi di self sovereign identity per gestire, controllare e trarre profitto da” l’identità digitale. Ciò include strumenti per gestire il modo in cui le informazioni vengono condivise tra siti Web e spazi immersivi. La società ha anche annunciato una carta di debito prepagata con premi per aver speso denaro in mondi fisici o virtuali.

4. Innovatori affermati

Anche se sei scettico sul Metaverse e sulle criptovalute, ciò non significa che non puoi beneficiare di un’identità digitale protetta dall’informatica avanzata.

Giganti informatici di fiducia, tra cui Microsoft e IBM, stanno lavorando a soluzioni blockchain per proteggere l’identità virtuale. Usano blockchain e alcune delle altre tecnologie che puoi associare alle criptovalute, ma portano anche tecnologia, esperienza, risorse e fiducia al tavolo che i progetti di criptovaluta non possono offrire.

Vogliamo davvero un provider di identità digitale?

Le nostre identità digitali sono già importanti; sono solo frazionati e difficili da usare. Man mano che viviamo ancora di più le nostre vite in reti virtuali che sono sempre più in grado di fare rete tra loro, la creazione di identità digitali affidabili, verificabili, coese e convenienti diventerà ancora più importante.

Tuttavia, chiunque fornisca quel servizio di identità digitale deterrà molti dati personali e potenzialmente sensibili. Alcuni hanno chiesto a un’organizzazione non governativa e senza scopo di lucro di gestire tutti questi dati.

Una tale organizzazione avrebbe pochi incentivi a vendere dati o a utilizzare tali dati contro i suoi utenti. Tuttavia, se un’organizzazione dovesse offrire identità digitali, sarebbe un’impresa enorme che richiederebbe risorse e capitali che potrebbero essere al di là dello scopo di una ONG senza scopo di lucro.

È difficile prevedere il futuro. Ma è probabile che a breve termine, alcuni di noi creeranno le proprie identità digitali con i primi strumenti Web 3.0 come alcuni di quelli sopra elencati. Il resto di noi dovrà probabilmente aspettare il maggiore emergere e lo sviluppo di soluzioni da piattaforme come Microsoft.

Chi è chi nel futuro web?

Le identità digitali ci aiuteranno a navigare sul web, ma abbiamo anche bisogno di un modo per identificarci e riconoscerci l’un l’altro. Entrambi questi elementi diventano più necessari e più complicati poiché le esperienze immersive ci offrono l’opportunità di esplorare nuovi metodi di auto-identità e auto-rappresentazione.

Il bisogno di identità è un bisogno antico che ora viene risolto dalle tecnologie emergenti. E nel tempo, possiamo aspettarci di vederli diventare più comuni nelle nostre vite.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

10 aziende che accettano pagamenti Dogecoin

Cos’è il DNS dinamico e come funziona?