in

Cosa fare quando odi il tuo lavoro

Milioni di persone in tutto il mondo si trovano nella stessa situazione in cui non amano il loro lavoro. “Odio il mio lavoro.” Questa è una frase abbastanza comune ovunque.

Ti rimangono solo due opzioni. Uno è che continui a fare quello che fai anche se non trovi divertimento in esso e l’altra opzione è smettere e passare al prossimo capitolo della vita.

Ma il fatto è che, in pratica, la maggior parte di noi non ha i mezzi per poter semplicemente lasciare un lavoro che odiamo. Abbiamo fatture che devono essere pagate e tempo per essere riempite.

Quindi cosa dovresti fare se odi il tuo lavoro?

Segni per aiutarti a decidere cosa fare quando odi il tuo lavoro

I motivi per cui le persone odiano il loro lavoro variano. Potrebbe essere a causa di un cattivo capo, alcuni colleghi ostili, un lavoro noioso o un lavoro sottopagato. Altri motivi per cui le persone odiano il loro lavoro possono essere trovati qui 8 motivi per cui sei infelice al lavoro.

Il blues del lunedì mattina è un segno chiave che odi il tuo lavoro ed è ora di iniziare a pensare e fare le cose in modo diverso. Quello che senti è in realtà una benedizione sotto mentite spoglie.

Prova a leggere questa infografica di CreativeLive per sapere se dovresti lasciare il tuo lavoro o meno:

Tuttavia, la decisione di rimanere ferma o smettere potrebbe non essere così semplice come si comprende. Ci sono numerose implicazioni nel cambiare un lavoro e potresti doverti preparare mentalmente per essere molto sicuro della tua decisione.

Indipendentemente dal motivo della tua frustrazione, devi determinare cosa devi fare dopo. Per aiutarti nella tua decisione, esamina le cose da considerare prima di lasciare il tuo lavoro nella sezione successiva.

Cosa fare quando odi il tuo lavoro?

Se hai già raggiunto il punto di dire “Odio il mio lavoro!” allora hai fatto un primo passo importante verso la libertà. Ammettere che il tuo lavoro è un incubo significa che sei pronto (e si spera disposto) ad agire per cambiare le tue circostanze.

Come vedrai a breve, ci sono diverse soluzioni che possono aiutarti a portare la tua vita lavorativa in un regno più felice.

Prima di iniziare, lascia che ti suggerisca di mettere da parte qualsiasi nozione preconcetta di ciò che potresti fare. Invece, tieni aperte le tue opzioni e attendi fino a quando non sei attratto da una soluzione che offre i migliori risultati per te.

Fortunatamente ci sono una serie di soluzioni per aiutarti a fuggire dalla tua situazione lavorativa senza gioia. Divideremo queste soluzioni in due categorie.

Il primo riguarderà le soluzioni che ti aiutano a rimanere nel tuo attuale lavoro ma a migliorare le tue circostanze. La seconda categoria ti offrirà soluzioni per lasciare il tuo lavoro e trasferirti in nuovi pascoli.

Odi il tuo lavoro, ma a causa di oneri finanziari o mancanza di altre offerte di lavoro sei costretto a rimanere dove sei. La domanda: “Perché è così difficile lasciare un lavoro?” deve averti attraversato la mente numerose volte.

Potresti dirlo numerose volte: “Odio il mio lavoro cosa faccio”. Ma ci sono modi per aiutarti a determinare come goderti il lavoro quando lo odi.

Prova queste soluzioni:

1. Determina se il lavoro è effettivamente il problema.

Cerca di identificare esattamente cosa sta causando l’avversione[2]È il capo cattivo? Sono i colleghi sghignazzanti ed eccessivamente competitivi? C’è una responsabilità nuova e aggiuntiva che non puoi gestire o non sei attrezzato per fare bene? Il carico di lavoro è improvvisamente aumentato o diminuito? Fai un elenco di pro e contro del tuo attuale lavoro relativo agli ambienti di lavoro, ai colleghi, alla gestione, ecc. Questo ti aiuterà a risolvere un problema (se può essere risolto). Ti aiuterà anche a identificare ciò che non vuoi nel tuo prossimo lavoro se decidi di iniziare una ricerca di lavoro.

Essere insoddisfatti del proprio lavoro potrebbe anche essere dovuto a un problema esterno, ma potrebbe anche essere inerente. Sei insoddisfatto della tua vita nel suo complesso? È semplicemente il tuo lavoro che disprezzi?

Se non sei soddisfatto della tua vita, fai piccoli cambiamenti quotidiani e ottieni tutta l’assistenza di cui hai bisogno per renderti felice in questo momento. Questa è una delle cose principali da ricordare quando si impara, “come godersi un lavoro che odi”.

2. Fai uno sforzo per sviluppare la connessione.

Hai difficoltà a trovare uno scopo nel tuo lavoro?

Crea significato nel tuo lavoro trovando modi per sentirti connesso se sembra privo di significato. Fai amicizia con i tuoi colleghi. Crea una connessione con un’organizzazione di beneficenza a cui contribuisce il tuo datore di lavoro.

Connettersi con gli altri può aiutarti a sentirti più propositivo nel tuo lavoro. La vita è anche molto più appagante quando le persone sono connesse. Crea opportunità per entrare in contatto con i colleghi in modo che il tuo impiego diventi più di una semplice fonte di reddito.

3. Riduci i livelli di stress al di fuori del lavoro.

Ti ritrovi ansioso e sopraffatto sul lavoro, con poco controllo sulle tue responsabilità?

Inizia riducendo i livelli di stress al di fuori del lavoro. Supponiamo che tu ti senta sopraffatto dal tuo lavoro e non riesci a trovare un modo semplice e veloce per ridurre la tensione sul lavoro, lavorare per ridurre lo stress al di fuori del lavoro. Quindi cosa fare se odi il tuo lavoro?

Inizia a rendere i tuoi doveri regolari più efficaci nella tua vita personale in modo da poter dedicare più tempo a fare le cose che ti piacciono.

Sbarazzati degli hobby che non stanno portando valore alla tua vita e stanno sprecando il tuo tempo. Usa il tempo che hai risparmiato per realizzare qualcosa che ti piace. È facile dire “odio il mio lavoro”, ma non ne vale la pena. Stabilisci obiettivi personali e crea una vita davvero gratificante.

4. Orari di lavoro lunghi? Sii disposto a prendere in considerazione nuove idee

Se le tue ore di lavoro ti stanno prosciugando e vuoi cambiarle, ci sono diverse opzioni. Potresti lavorare da casa occasionalmente per ridurre la raffica continua di interruzioni che ti logorano?

Il tuo capo ti permetterà di lavorare quattro giorni invece di cinque in modo da poter dedicare meno tempo al pendolarismo? Sei disposto a rinunciare ad alcuni dei tuoi servizi personali per ridurre le tue ore di lavoro e prendere un taglio di stipendio?

Essere adattabili e aperti a nuove idee ti aiuterà a trovare una soluzione alle tue lunghe ore di lavoro.

5. Porta snack da condividere con i tuoi colleghi

Se sei uno dei miei colleghi, questo è molto importante. Va da sé che trattare gli altri con gentilezza renderà te (e loro) più felici, e se lavori da qualche parte dove c’è un costante senso di negatività.

6. Raggiungi il lavoro in anticipo

Sì, lo so che ho detto prima di creare obiettivi che puoi gestire, ma ciò non nega il valore di questo suggerimento nel rendere il tuo lavoro più sopportabile.

Può sembrare controintuitivo (perché dovrei voler trascorrere più tempo in un luogo che disprezzo?), ma questa pratica ti aiuterà a mantenere lo slancio durante il tuo cambiamento. È anche uno dei metodi più semplici per distinguerti agli occhi del tuo capo, magari portando a una promozione.

7. Sforzati di essere un buon lavoratore

Disprezzi il tuo lavoro e non hai intenzione di cambiarlo, ma non hai nemmeno intenzione di dimetterti. Ma allora come affronti la domanda: “cosa fare se odi il tuo lavoro?”

Questo non vuol dire che dovresti essere negligente con il tuo aspetto. Puoi disprezzare il tuo lavoro quanto vuoi, ma devi comunque esibirti al meglio delle tue capacità.

Quando arrivi al lavoro, concentrati sul completamento di ogni attività al meglio delle tue capacità. Ciò potrebbe richiedere un cambiamento mentale. Per darti una sferzata di energia, prova a concentrarti sulle aree del tuo lavoro per cui sei grato.

8. Concentrati sul positivo

Non potresti davvero disprezzare tutto ciò che riguarda il tuo lavoro in questo momento, vero? Se non sei sicuro di cosa fare quando disprezzi il tuo lavoro, concentrati su ciò che apprezzi e blocca mentalmente gli aspetti sfavorevoli.

Considera il futuro. Potresti disprezzare il tuo lavoro attuale, ma rimanere con esso potrebbe essere l’opzione migliore se è semplicemente un trampolino di lancio verso i tuoi obiettivi professionali tra qualche anno.

9. Sii grato di avere un lavoro

Per quanto odiate il vostro lavoro, pensate ai milioni di disoccupati che sono alla disperata ricerca di lavoro. Mentre il tuo lavoro può essere tutt’altro che perfetto, è ancora un lavoro. Ti paga un salario e ti offre la possibilità di contribuire alla società.

10. Sii onesto con il tuo capo

Potrebbe essere difficile discutere con il tuo capo i motivi per cui odi il tuo lavoro, ma può valerne la pena. Di fronte a fatti come: “I miei doveri mancano di varietà” o “Non vengo mai inviato a corsi di formazione” o “Odio il mio lavoro”, molti capi prenderanno nota di queste osservazioni.

Se sei annoiato dalla monotonia di fare gli stessi compiti ogni giorno, vai dal tuo capo e chiedi se ci sono nuove responsabilità che sarebbero disposti a darti. Forse stanno cercando aiuto su un progetto in un’area che ti interessa. Non lo saprai se non lo chiedi!

In alternativa, puoi chiedere al tuo capo di informarti se emergono altre posizioni all’interno dell’azienda. Con il tempo, potresti imbatterti nell’opportunità di trasferirti in qualcosa che ti piace di più.

Se vogliono tenerti, ci sono buone probabilità che agiscano per rendere la tua vita lavorativa più accettabile per te. Se il tuo problema è con il tuo capo, trova comunque un modo per parlare con lui o lei dei problemi. Un dialogo aperto e non ostile può risolvere la maggior parte dei problemi.

11. Inietta divertimento nel tuo lavoro

Puoi lavorare su una linea di fabbrica o come addetto all’inserimento dati in un ufficio. In superficie questi lavori potrebbero apparire noiosi come l’acqua dei piatti. Tuttavia, se vai al lavoro con l’aspettativa di divertirti, rimarrai stupito dai risultati.

I modi per aggiungere divertimento alla tua giornata lavorativa includono trascorrere pause con colleghi ottimisti, cantare al lavoro, scambiare battute con i colleghi e capire che essere professionali non significa che devi sempre essere serio.

12. Personalizza il tuo spazio di lavoro

Se la tua azienda ti sta trascinando verso il basso e lentamente sta annegando le tue speranze e i tuoi sogni, devi agire immediatamente. Una delle cose migliori da fare è prendere il controllo del tuo ambiente di lavoro personale.

Ad esempio, se lavori in un ufficio, assicurati che la scrivania e i cassetti siano puliti e ordinati. Quindi introduci un po ‘di carattere e ispirazione allo spazio della tua scrivania aggiungendo una pianta decorata e / o aggiungendo una foto di una persona cara. Piccoli cambiamenti come questi possono fare una grande differenza.

13. Prendi il controllo attraverso la definizione degli obiettivi

La definizione degli obiettivi è una tecnica potente e collaudata per aumentare i risultati e modificare il tuo atteggiamento “Odio il mio lavoro”. È probabile che il tuo datore di lavoro abbia obiettivi organizzativi, ma non c’è nulla che ti impedisca di creare anche i tuoi obiettivi.

Se sei in buoni rapporti con il tuo capo, spiegagli che stai pianificando di fissare obiettivi per aiutarti a sviluppare il tuo lavoro e a beneficio dell’organizzazione.

Se hai smesso di parlare con il tuo capo (succede!), Puoi ancora impostare obiettivi che sono sotto il tuo controllo. Ad esempio, puoi decidere di arrivare presto al lavoro ogni mattina per affrontare l’arretrato giornaliero di e-mail.

14. Trova gli hobby che ti piacciono al di fuori del lavoro

Avere qualcosa che ti piace al di fuori del lavoro può davvero rendere il lavoro più piacevole. Gli hobby ti permetteranno di distogliere la mente dal lavoro e rilassarti veramente.

Non solo è un ottimo antistress dopo il lavoro, ma può aiutarti ad avere qualcosa da aspettarti durante il giorno.

Come smettere per il meglio

Cosa fare quando odi il tuo lavoro e devi smettere ora?

Prima di prendere provvedimenti per dimetterti da un lavoro che odi, devi sapere con certezza che stai facendo il passo giusto. Prova questi per aiutarti a lasciare il lavoro che odi:

1. Prenditi una vacanza

Una vacanza non deve essere un viaggio costoso ai Caraibi. Usa qualsiasi tempo di vacanza che potresti aver risparmiato per darti respiro per fare un bilancio della tua vita e tempo ed energia per concentrarti sul tuo futuro.

Può essere tempo libero dal lavoro per dedicarsi alla ricerca di lavoro e andare ai colloqui, o con amici e familiari che possono dare preziosi consigli.

Con il tempo di pensare, puoi decidere se vuoi davvero lasciare il tuo lavoro e, in tal caso, quali saranno i tuoi prossimi passi. Non ti piace il tuo lavoro, ma devi scoprire cosa c’è dopo. E quale modo migliore per trovare risposte che farlo in vacanza?

2. Sii preparato

Se hai deciso di lasciare definitivamente il tuo lavoro, è meglio essere adeguatamente preparati. Prima di dire “Odio il mio lavoro e smetterò”, assicurati di essere ben preparato di ciò che verrà.

Ciò significherà avere risparmi sufficienti per vivere per un periodo di tempo o avere un altro lavoro a cui andare. Aggiorna il tuo curriculum, dai al tuo attuale datore di lavoro un periodo di preavviso decente e lascia alle migliori condizioni possibili. Prendi la decisione di lasciare il lavoro che odi, il migliore!

3. Spostati lateralmente

Se il tuo problema di lavoro è legato al tuo manager o ai membri del team, potresti non dover lasciare il tuo attuale datore di lavoro. Invece di lasciare un lavoro che odi, potresti scegliere di candidarti per altre posizioni all’interno della tua organizzazione.

Un nuovo manager e una nuova squadra potrebbero essere proprio ciò di cui hai bisogno per liberarti dalla trappola del “odio il mio lavoro!”.

4. Trasforma le tue abilità in una carriera freelance

Ami il tuo lavoro ma odi il tuo ambiente di lavoro? Se è così, potresti essere un buon candidato per il freelance. Diciamo che lavori come assistente personale.

È il ruolo in cui hai sempre eccelso, ma in questo momento hai un capo odioso. Perché non portare le tue competenze sul mercato e vedere se riesci a garantire un lavoro a contratto ben pagato? Potresti anche considerare di offrire i tuoi servizi come “assistente virtuale”.

5. Non guardare indietro

Se hai scelto di lasciare il tuo lavoro, falloLasciare il lavoro che odi potrebbe essere uno dei migliori passi della vita.

Una volta che hai informato il tuo datore di lavoro e concordato una data di uscita, metti il resto della tua energia e concentrati su ciò che vuoi fare dopo.

A volte le persone decidono di lasciare un lavoro, ma sono emotivamente coinvolte dalla preoccupazione per cose come la mancanza dei loro colleghi e lo stress per il futuro. Non lasciare che questo accada a te. Tieni gli occhi ben saldi su un futuro lavorativo più luminoso.

Un lavoro che non ti piace può rendere la tua vita un inferno. Il segreto della libertà è agire. Devi decidere se lasciare il tuo lavoro o rimanere dove sei.

6. Cancella i tuoi debiti

Le persone possono approfittare di una pletora di meravigliose possibilità nella vita. Tuttavia, per molte persone, queste opportunità sono limitate a causa del debito. Probabilmente ci sono cose che preferiresti fare con i tuoi soldi piuttosto che pagare le carte di credito o i debiti degli studenti.

Considera la tua vita senza questi vincoli finanziari. L’indipendenza finanziaria ti consente di fare le cose che vuoi fare, come viaggiare, cenare fuori in posti nuovi e provare cose nuove.

Sarai in grado di farlo se riesci a pagare il tuo debito. Il tuo impiego è il veicolo che permette che ciò accada. Dillo ad alta voce: “Odio il mio lavoro, ma mi aiuta anche a pagare le bollette”.

7. Trovare competenze che possono essere trasferite

La valutazione dei lavoratori viene utilizzata in quasi tutte le posizioni per valutare le prestazioni in una serie di aree. Potresti lavorare in un lavoro che disprezzi e queste revisioni delle prestazioni. Tuttavia, l’input che ricevi da questi potrebbe essere molto utile per far progredire la tua professione.

Una revisione delle prestazioni e un feedback da parte di manager e colleghi possono aiutarti a riconoscere i tuoi punti di forza e difetti. Esamina le tue aree di forza. Tali risorse possono essere utilizzate per far progredire la tua carriera in un altro settore.

Nel breve termine, fare il grande passo e lasciare la tua carriera potrebbe essere gratificante. Tuttavia, ci sono implicazioni a lungo termine per te e la tua famiglia da considerare. Il lavoro che disprezzi potrebbe portare a qualcosa che ti piace se escogita una strategia ben ponderata.

8. Non arrenderti senza un piano B

Se il tuo lavoro non ti sta facendo impazzire e ti paga equamente per i tuoi problemi, smettere potrebbe non renderti soddisfatto come ti aspettavi, soprattutto se non hai trovato un’altra carriera.

Essere disoccupati ti fa perdere lo stipendio, pensare troppo alle tue azioni e forse considerarti un quitter. Quindi, se stai ancora pensando a cosa fare quando odi il tuo lavoro, considera di pianificare alternative prima di smettere.

 

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Come essere soddisfatti lavorativamente e avere una carriera di successo

Competenze del tecnico avionico: definizioni ed esempi