in

La legge sulla discriminazione in gravidanza del 1978

Come la legge protegge le donne incinte sul lavoro

Il Pregnancy Discrimination Act vieta ai datori di lavoro di assumere e altre decisioni relative al lavoro che discriminano le donne incinte. È stata emanata nel 1978. 1

Scoprire di essere incinta è una cosa molto gioiosa per la maggior parte delle donne – notizie che probabilmente non vedrai l’ora di condividere con tutti i tuoi amici e familiari – ma potrebbe essere un po ‘stressante parlarne con i tuoi colleghi. Una volta che lo sapranno, lo saprà anche il tuo capo e, sebbene i tuoi colleghi possano essere meravigliosamente ricettivi a questa notizia, non tutti sul posto di lavoro potrebbero esserlo. La discriminazione in gravidanza è una cosa reale.

Problemi di discriminazione sulla gravidanza e sul posto di lavoro

La Commissione per le pari opportunità di lavoro (EEOC) , l’agenzia federale che interpreta e applica le leggi federali sulla discriminazione sul lavoro, riferisce che nell’anno fiscale 2019 ha ricevuto 2.753 denunce di discriminazione in gravidanza. 2

Molte donne vengono licenziate o escluse per una promozione dopo aver annunciato la loro gravidanza. Prima di condividere le tue buone notizie sul posto di lavoro, conosci i tuoi diritti secondo la legge e cosa fare se un datore di lavoro potenziale o attuale non li rispetta.

Storia della discriminazione in gravidanza

Il Pregnancy Discrimination Act è stato il risultato di due casi della Corte Suprema che hanno stabilito che l’esclusione dei benefici medici e di invalidità per le donne incinte non era discriminatoria. 3

Nel 1978, a causa di queste decisioni, il Congresso ha emendato il Civil Rights Act per vietare specificamente la discriminazione sessuale sulla base della gravidanza. 1

In che modo la legge sulla discriminazione in gravidanza protegge le donne

La legge sulla discriminazione in gravidanza richiede ai datori di lavoro di trattare le donne incinte nello stesso modo in cui fanno tutti gli altri lavoratori o candidati. È un emendamento al titolo VII del Civil Rights Act del 1964  ed è coperto dalla discriminazione sessuale. I datori di lavoro non possono prendere decisioni sull’assunzione di candidati, sul licenziamento o sulla promozione di lavoratori in base a gravidanza, parto o condizioni mediche correlate. Tutte le aziende che impiegano 15 o più persone sono soggette a questa legge. 4 

Ecco come la legge protegge le donne incinte in cerca di lavoro e i dipendenti:

  • I datori di lavoro non possono rifiutarsi di assumere candidati a causa della loro gravidanza o condizioni correlate alla gravidanza. Tuttavia, un datore di lavoro non è tenuto ad assumere un candidato non qualificato o uno meno qualificato di un altro.
  • I datori di lavoro non possono richiedere alle lavoratrici gestanti di sottoporsi a procedure speciali che determinano la loro capacità di svolgere mansioni lavorative a meno che il datore di lavoro non imponga a tutti gli altri dipendenti e candidati di lavoro lo stesso requisito.
  • Se una condizione medica correlata alla gravidanza impedisce a una lavoratrice di svolgere mansioni lavorative, il datore di lavoro non deve trattare tale individuo in modo diverso dagli altri dipendenti temporaneamente disabili nella sistemazione.
  • I datori di lavoro non possono vietare alle lavoratrici gestanti di lavorare e non possono rifiutarsi di consentire loro di tornare al lavoro dopo il parto.
  • I piani di assicurazione sanitaria forniti dal datore di lavoro non devono trattare le condizioni legate alla gravidanza in modo diverso da come fanno altri problemi medici.
  • I datori di lavoro non possono richiedere che le lavoratrici gestanti paghino franchigie dell’assicurazione sanitaria maggiori rispetto alle lavoratrici non gravide. 4

Presentazione di una domanda di discriminazione in caso di gravidanza

Se il tuo datore di lavoro o potenziale datore di lavoro ti ha discriminato, puoi presentare un reclamo all’EEOC. È essenziale essere in grado di affermare cosa ha portato alla tua conclusione. Avere quante più prove possibili per sostenere la tua affermazione, inclusa la documentazione e i nomi dei testimoni. 

I dipendenti devono presentare un reclamo entro 180 giorni dall’evento. Questo limite di tempo è esteso a 300 giorni se esiste una legge statale o locale che copre anche la discriminazione in caso di gravidanza. I candidati al lavoro devono presentare un reclamo entro 45 giorni. 5

Guida dettagliata alla presentazione delle spese:

  1. Vai al  portale pubblico EEOC  per inviare una richiesta. Rispondi alle cinque domande generali qui elencate. Le tue risposte determineranno se l’EEOC può aiutarti. In alternativa, è possibile inviare una richiesta a uno dei 53 uffici sul campo di EEOC situati in tutta la contea o per telefono al numero 1-800-669-4000.
  2. Se stai utilizzando il portale pubblico EEOC e ti viene detto che l’agenzia può aiutarti, vai avanti e invia la tua richiesta. Ricorda che presentare una richiesta è solo il primo passo e non è la stessa cosa che presentare un’accusa di discriminazione. Ti consente di organizzare un colloquio di assunzione con un membro del personale EEOC presso uno dei 53 uffici sul campo situati negli Stati Uniti o per telefono. Immettere le informazioni di contatto quando richiesto.
  3. Dopo aver presentato la tua richiesta e programmato un colloquio di assunzione, l’EEOC farà domande supplementari per aiutare ad avviare il processo di presentazione delle accuse. Ciò avverrà prima del colloquio.
  4. Dopo il colloquio di assunzione, decidi se presentare un addebito. Solo dopo averne presentato uno, che può essere di persona o tramite il portale online, ma non per telefono, l’EEOC informerà il tuo datore di lavoro.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Hai perso il lavoro? COBRA ti consente di mantenere la tua assicurazione sanitaria

Legge sulla parità salariale del 1963